Spiegato: L'eredità duratura del Maharaja Ranjit Singh del Punjab - Gennaio 2022

Ranjit Singh rovesciò i Misls in guerra e stabilì un impero sikh unificato dopo aver conquistato Lahore nel 1799.

Statua del maharaja Ranjit Singh, statua di Ranjit singh Lahore, sovrano del Punjab Ranjit Singh, autorità della città murata di Lahore, manufatti sikh, patrimonio sikh, notizie sullRanjit Singh ha governato per 4 decenni. (Wikipedia)

Giovedì è stata inaugurata a Lahore una statua di Ranjit Singh, che governò il Punjab per quasi quattro decenni (1801-39). Il 27 giugno è l'anniversario della sua morte. La sua eredità dura per i Punjabi in tutto il mondo:

Vita e tempi



Ranjit Singh nacque il 13 novembre 1780 a Gujranwala, ora in Pakistan. A quel tempo, il Punjab era governato da potenti capi che avevano diviso il territorio in Misls. Ranjit Singh rovesciò i Misls in guerra e stabilì un impero sikh unificato dopo aver conquistato Lahore nel 1799.



Gli fu dato il titolo di Leone del Punjab (Sher-e-Punjab) perché arginò la marea degli invasori afgani a Lahore, che rimase la sua capitale fino alla sua morte. Il suo generale Hari Singh Nalwa costruì il Forte di Jamrud alla foce del Khyber Pass, la strada che i governanti stranieri presero per invadere l'India.

La statua di Ranjit Singh sarà svelata oggi a LahoreStatua alta otto piedi per celebrare il 180esimo anniversario della morte

Al momento della sua morte, era l'unico capo sovrano rimasto in India, tutti gli altri erano passati sotto il controllo della Compagnia delle Indie Orientali in un modo o nell'altro.



Regno ampio e potente

Ha unito i punti di forza del tradizionale esercito Khalsa con i progressi occidentali nella guerra per sollevare l'esercito indigeno più potente dell'Asia di quel tempo. Ha anche impiegato un gran numero di ufficiali europei, soprattutto francesi, per addestrare le sue truppe. Ha nominato il generale francese Jean Franquis Allard per modernizzare il suo esercito. Nel 2016, la città di St Tropez ha svelato la statua in bronzo del maharaja come segno di rispetto.


qual è il patrimonio netto di katy perry

Il dottor Indu Banga, professore emerito di storia alla Panjab University, ha affermato che l'esercito di Ranjit Singh era all'altezza di quello allevato dalla Compagnia delle Indie Orientali. Durante la battaglia di Chillianwala, la seconda delle guerre anglo-sikh che seguirono la morte di Ranjit Singh, gli inglesi subirono le maggiori perdite di ufficiali in tutta la loro storia in India, afferma Banga.



Sarbat Khalsa, sciopero della fame Sarbat Khalsa, Surat Khalsa, festa degli Stati Uniti, festa di Sikhlens, festa degli Stati Uniti di sarbat khalsa, espresso indianoL'opera d'arte di @pentacularartist: 'Maharaja Ranjit Singh e i suoi generali'. (Foto per gentile concessione: SikhLens)

L'impero transregionale di Ranjit Singh si estendeva su diversi stati. Il suo impero comprendeva le ex province Mughal di Lahore e Multan oltre a parte di Kabul e l'intera Peshawar. I confini del suo stato andavano fino al Ladakh - Zorawar Singh, un generale di Jammu, aveva conquistato il Ladakh in nome di Ranjit Singh - a nord-est, il passo di Khyber a nord-ovest e fino a Panjnad a sud dove cadevano i cinque fiumi del Punjab nell'Indo. Durante il suo regime, il Punjab era una terra di sei fiumi, il sesto era l'Indo.

LEGGI | Il Pakistan rilascia visti a 463 indiani per l'anniversario della morte del Maharaja Ranjit Singh

La sua eredità




jimmy fallon reddito

Il maharaja era noto per il suo governo giusto e secolare; sia gli indù che i musulmani ricevettero posizioni di potere nel suo darbar. I Sikh sono orgogliosi di lui perché ha trasformato Harimandir Sahib ad Amritsar nel Tempio d'oro coprendolo d'oro. Proprio alle porte del sanctum sanctorum del tempio c'è una targa che spiega come nel 1830 d.C. il maharaja fece sewa per 10 anni.

È anche accreditato per aver finanziato Hazoor Sahib gurudwara nell'ultima dimora di Guru Gobind Singh a Nanded, nel Maharashtra.



Oggi il suo trono è in bella mostra al Victoria and Albert Museum di Londra. Mostre sul suo governo sono frequenti nei paesi occidentali che ospitano la diaspora punjabi. L'anno scorso, Londra ha ospitato una mostra incentrata sulla storia dell'Impero Sikh e sulle relazioni internazionali forgiate dal maharaja.