Spiegato: quanto è remunerativa l'agricoltura in India? Ecco cosa mostrano i dati - Luglio 2022

Il governo afferma che i suoi disegni di legge di riforma renderanno più facile per gli agricoltori vendere i loro prodotti a operatori privati. Quanto è remunerativa l'agricoltura attualmente e quanto è regolamentato il settore? Questo è ciò che mostrano i dati.

Gli agricoltori hanno protestato contro i tre progetti di legge in Punjab e Haryana, tra gli altri stati.

La spinta del governo a riformare il settore agricolo indiano ha diviso le opinioni e ha innescato un dibattito sullo stato dell'agricoltura indiana. Nel contesto di questo dibattito, sono degne di nota due caratteristiche di vecchia data dell'agricoltura indiana.

Primo, l'agricoltura indiana è altamente non remunerativa. In secondo luogo, è stato pesantemente regolamentato dal governo e protetto dal libero gioco delle forze di mercato.




figlia di heather mills

Secondo il governo, i nuovi disegni di legge passati da Il Parlamento tenta di rendere più facile per gli agricoltori vendere e produrre per il settore privato. La speranza è che liberalizzare il settore e consentire un maggiore gioco delle forze di mercato renda l'agricoltura indiana più efficiente e più remunerativa per gli agricoltori.



In questo contesto, è importante comprendere alcune delle basi dell'agricoltura indiana.

Partecipazioni, reddito e debito



Al tempo dell'indipendenza, circa il 70% della forza lavoro indiana (poco meno di 100 milioni) era impiegata nel settore agricolo. Anche a quel tempo, l'agricoltura e le attività connesse rappresentavano circa il 54% del reddito nazionale indiano. Nel corso degli anni, il contributo dell'agricoltura alla produzione nazionale è diminuito drasticamente. Nel 2019-20 era inferiore al 17% (in termini di valore aggiunto lordo).

Eppure, la percentuale di indiani impegnati nell'agricoltura è scesa dal 70% ad appena il 55% (grafico 1). Come osserva la commissione per il raddoppio del reddito degli agricoltori (2017), la dipendenza della forza lavoro rurale dall'agricoltura per l'occupazione non è diminuita in proporzione al calo del contributo dell'agricoltura al PIL.

Fonte: Statistiche agricole in sintesi 2019; Censimento 20122 (Grafico 6); RBI (Grafico 7)

Una statistica cruciale è la proporzione di lavoratori senza terra (tra le persone impegnate in questo settore) poiché cattura il crescente livello di impoverimento. È passato dal 28% (27 milioni) nel 1951 al 55% (144 milioni) nel 2011.



Mentre il numero di persone dipendenti dall'agricoltura è cresciuto nel corso degli anni, la dimensione media delle proprietà terriere si è ridotta drasticamente, fino al punto di non essere redditizia per una produzione efficiente. I dati mostrano che l'86% di tutte le proprietà terriere in India sono piccole (tra 1 e 2 ettari) e marginali (meno di 1 ettaro, circa la metà di un campo da calcio). La dimensione media tra le aziende marginali è di appena 0,37 ha.

Leggi anche |Spiegato: In tre ordinanze, le disposizioni che danno fastidio agli agricoltori che protestano

Secondo uno studio del 2015 di Ramesh Chand, ora membro di Niti Aayog, un appezzamento di dimensioni inferiori a 0,63 ha non fornisce un reddito sufficiente per rimanere al di sopra della soglia di povertà.



Il risultato combinato di molte di queste inefficienze è che la maggior parte degli agricoltori indiani è fortemente indebitata (grafico 2). I dati mostrano che il 40% delle 24 famiglie lakh che operano su proprietà terriere inferiori a 0,01 ha è indebitato. L'importo medio è di 31.000 rupie.

Una buona ragione per cui una percentuale così alta di agricoltori è così indebitata è che l'agricoltura indiana, per la maggior parte, non è remunerativa. Il grafico 3 fornisce le stime del reddito mensile per una famiglia agricola in quattro stati molto diversi, nonché il numero di tutta l'India.



Alcuni degli stati più popolosi come il Bihar, il Bengala occidentale e l'Uttar Pradesh hanno livelli di reddito molto bassi e percentuali di indebitamento molto elevate. E anche gli stati relativamente più prosperi hanno livelli di indebitamento abbastanza elevati.


patrimonio netto di mickey rourke 2015

Comprare e vendere

Un altro modo per comprendere la difficile situazione degli agricoltori rispetto al resto dell'economia è guardare le condizioni di scambio tra agricoltori e non agricoltori. Le condizioni di scambio sono il rapporto tra i prezzi pagati dagli agricoltori per i loro input e i prezzi ricevuti dagli agricoltori per la loro produzione, ha spiegato Himanshu, professore di economia presso la JNU. In quanto tale, 100 è il punto di riferimento. Se il ToT è inferiore a 100, significa che gli agricoltori stanno peggio. Come mostra il grafico 4, il ToT è rapidamente migliorato tra il 2004-05 e il 2010-11 fino a superare la soglia dei 100, ma da allora è peggiorato per gli agricoltori.

Una variabile chiave nel dibattito è il ruolo dei prezzi minimi di sostegno. Molti manifestanti temono che i governi ritireranno il sistema degli MSP. MSP è il prezzo al quale il governo acquista un raccolto da un agricoltore. Nel corso degli anni, gli MSP hanno raggiunto diversi obiettivi. Hanno spinto gli agricoltori verso la produzione di colture chiave necessarie per raggiungere l'autosufficienza di base nei cereali. Gli MSP forniscono prezzi garantiti e un mercato assicurato agli agricoltori e li salvano dalle fluttuazioni dei prezzi. Questo è fondamentale perché la maggior parte degli agricoltori non è adeguatamente informata.

Ma sebbene gli MSP siano annunciati per circa 23 colture, l'approvvigionamento effettivo avviene per pochissime colture come grano e riso. Inoltre, la percentuale degli appalti varia notevolmente tra gli stati (grafico 5). Di conseguenza, i prezzi di mercato effettivi, quelli che ottengono gli agricoltori, sono spesso inferiori agli MSP.

Leggi | PB Mehta spiega perché il governo non avrebbe dovuto trasferire i conti della fattoria

Altre variabili

Queste tendenze di reddito, indebitamento e approvvigionamento sono allineate alla migrazione interstatale. Il grafico 6 mostra gli stati che testimoniano la maggior parte dell'emigrazione.

Infine, il governo spera che queste riforme, compresi gli allentamenti per lo stoccaggio di articoli alimentari, daranno impulso all'industria di trasformazione alimentare. Uno studio della RBI (vedi grafico 7) ha rilevato che l'India ha molto spazio per crescere in questo senso e generare occupazione e reddito.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

Questo articolo è apparso per la prima volta nell'edizione cartacea il 24 settembre 2020 con il titolo 'Simply Put: The Farmer - a field report'.