Spiegato: il sikhismo in Afghanistan è antico quanto la religione, antecedente al regno di Ranjit Singh - Gennaio 2022

Lunedì, i 46 sikh afghani evacuati hanno portato con sé tre dei sei swaroop rimanenti del Guru Granth Sahib in India.

Tre membri della comunità sikh afghana che tengono in mano il santo Sri Guru Granth Sahib ji di diversi Gurudwara in Afghanistan all'aeroporto di Kabul per la loro partenza per l'India. (PTI)

Con la conquista dell'Afghanistan da parte dei talebani, la storia della minuscola ma importante comunità sikh nel paese potrebbe essere sull'orlo della fine. L'Organizzazione mondiale del Punjabi e il Delhi Delhi Sikh Gurdwara Management Committee (DSGMC) si sono coordinati con il governo indiano per l'evacuazione degli indù e dei sikh afghani.

Lunedì, i 46 sikh afghani evacuati hanno portato con sétre dei sei swaroop rimanenti del Guru Granth Sahiball'India. Paramjeet Singh Sarna, presidente del SAD (Delhi), ha twittato dicendo: fine di un'era di Sikhi in Afghanistan.



spiegato| Il saroop del Libro Sacro Sikh

Una storia del Sikhismo in Afghanistan

Contrariamente all'assunto comune che i sikh in Afghanistan siano immigrati recenti di origine indiana, la comunità sikh è infatti indigena del paese e ha una storia lunga e radicata nella regione. L'appassionato di storia Inderjeet Singh nel suo libro 'Afghan Hindus and Sikhs: History of a mille anni (2019) ha suggerito che la storia del Sikhismo nel Khurasan (Afghanistan medievale) inizia con il fondatore della religione Sikh, Guru Nanak, che è noto per hanno visitato la regione nel XV secolo.



L'antropologo Roger Ballard nel suo documento di ricerca del 2011 ha spiegato che la popolazione sikh nella regione era costituita da quei membri della popolazione indigena che hanno resistito al processo di conversione dal buddismo all'Islam che ha avuto luogo in quest'area tra il IX e il XIII secolo e che successivamente si allinearono con gli insegnamenti di Guru Nanak – lui stesso un Khatri e fondatore della tradizione Sikh – nel corso del XV secolo.


patrimonio netto di cubetti di ghiaccio

Nel 1504, l'imperatore Mughal Babur catturò Kabul e nel 1526 era il padrone dell'India settentrionale. Kabul divenne una delle province dell'Hindustan e Babur la definì 'il mercato dell'Hindustan'. Rimase parte dell'Hindustan fino al 1738, quando fu conquistata dal sovrano persiano Nadir Shah. Durante questo periodo i cronisti sikh registrano un numero di nomi e casi in cui i seguaci sikh a Kabul arrivarono nella regione ora conosciuta come East Punjab, per rendere omaggio ai sikh Guru, scrisse Singh. Ci sono stati anche diversi casi in cui i Sikh del Punjab orientale sono andati in Afghanistan per diffondere gli insegnamenti dei Guru Sikh.



Ad esempio, il testo del XVIII secolo, Mahima Prakash, scritto da Sarup Das Bhalla, discendente del terzo Guru Sikh, Guru Amar Das, cita il nome di 'Kabuli wali Mai' (signora di Kabul) che faceva seva (servizio volontario) mentre scavava un pozzo a gradini a Gondiawal nel Punjab orientale. Lo stesso testo menziona anche Bhai Gonda che fu inviato a Kabul per propagare gli insegnamenti del settimo Sikh Guru e che vi stabilì anche un Gurudwara.

Il periodo tra la metà del XVIII e la metà del XIX secolo è importante nella storia delle relazioni afghane sikh. Per circa 101 anni l'impero afghano e sikh sono stati vicini e per lo più antagonisti. Nei primi decenni del 19° secolo, l'impero Sikh sotto il Maharaja Ranjit Singh aveva annesso gran parte dell'impero Durrani sotto gli Afghani. Durante la seconda guerra anglo-sikh del 1848-49, tuttavia, i sikh furono sostenuti dagli afghani, anche se furono sconfitti dagli inglesi.

Il 45esimo reggimento Sikh scorta i prigionieri durante la seconda guerra afgana. (Wikimedia Commons)

Alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo, in reazione alle attività di proselitismo cristiane in seguito all'annessione dell'impero sikh da parte degli inglesi, il movimento Singh Sabha, fu istituito un movimento di riforma sikh. L'impatto del movimento si è fatto sentire anche in tutto l'Afghanistan. Akali Kaur Singh, per esempio, ha trascorso un anno in Afghanistan, andando di casa in casa per diffondere la dottrina sikh. La sua missione ha portato alla creazione di diversi gurdwara nella regione.



L'esodo dei sikh dall'Afghanistan

Il primo grande esodo dei sikh afghani e degli indù avvenne durante il regno di Amir Abdur Rahman Khan alla fine del XIX secolo. Il governo di Khan in Afghanistan è stato definito dagli inglesi il 'regno del terrore'. È noto per aver giustiziato legalmente quasi 100.000 persone. Diversi indù e sikh erano emigrati durante questo periodo e la comunità sikh afgana di Patiala nel Punjab è nota per essere stata fondata allora.

Ma è stato nel 1992, quando i mujaheddin hanno preso il controllo dell'Afghanistan, che ha avuto inizio l'esodo più esteso di sikh e indù. Prima che i mujaheddin prendessero il sopravvento, i sikh furono colpiti da due casi di attività terroristiche. Nel 1988, il primo giorno di Baisakhi, un uomo con un AK-47 fece irruzione in un gurdwara e uccise 13 sikh. L'anno successivo, Gurdwara Guru Teg Bahadur Singh a Jalalabad fu attaccato da razzi lanciati dai Mujahideen, provocando la morte di 17 sikh. Singh nel suo lavoro ha scritto che tra marzo e ottobre 1989 i Mujahideen hanno attaccato Jalalabad con l'intenzione di catturare la città. Più di un centinaio di sikh afgani sono morti durante il periodo di sei mesi in cui i mujaheddin hanno preso di mira principalmente l'area residenziale sikh della città.

Il Karte Parwan Gurdwara a Kabul. (Fonte: Pritpal Singh)

Dopo che i Mujahideen hanno preso il controllo di Kabul nel 1992, un gran numero di sikh ha iniziato a lasciare il paese poiché sono stati soggetti a diversi casi di rapimento, estorsione e persecuzione. I problemi si sono ulteriormente moltiplicati quando i talebani sono saliti al potere nel 1994. Singh ha scritto che mentre nei primi anni '90 oltre 60.000 sikh e indù vivevano in Afghanistan, nel 2019 si era ridotto a circa un migliaio, principalmente limitato a Kabul, Jalalabad e Ghazni. Al di fuori di queste città, i loro gurudwara e mandir sono ora occupati illegalmente dai locali della comunità maggioritaria. Anche all'interno di queste città, le loro case sono state occupate con la forza durante i disordini della guerra civile e la maggior parte di loro vive in gurudwara e mandir, ha scritto.



La tolleranza della diversità, che fino a quel momento era stata una caratteristica dell'Islam afghano, iniziò rapidamente a svanire di fronte alla linea dura jihadista e agli atteggiamenti fondamentalisti promossi dai talebani, ha scritto Ballard.

Più di recente, nel 2018, un attentato suicida a Jalalabad ha ucciso almeno 19 sikh e nel marzo 2020 un attacco a Gurdwara Guru Har Rai Sahib ha provocato la morte di 25 persone. Da allora, c'è stato un massiccio aumento dell'emigrazione dei sikh afghani. Sono anche fiduciosi che con l'approvazione del Citizenship Amendment Act da parte del governo indiano, sarebbe più facile per loro ottenere l'ingresso e la cittadinanza in India.



Quasi 200 sikh e indù continuano a essere bloccati in Afghanistan dopo l'evacuazione di lunedì.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta