Spiegato: Il massacro della corsa di Tulsa il cui centesimo anniversario cade la prossima settimana - Febbraio 2023

Nel 1921, dalla sera del 31 maggio fino al pomeriggio del 1 giugno, una violenta folla di residenti bianchi di Tulsa attaccò un prospero quartiere nero, uccidendo centinaia di persone e lasciando la località in cenere.

Due uomini armati si allontanano dagli edifici in fiamme mentre altri camminano nella direzione opposta durante il massacro della corsa di Tulsa a Tulsa, Okla, il 1 giugno 1921. (Dipartimento delle collezioni speciali, Biblioteca McFarlin, Università di Tulsa via AP)

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden visiterà la prossima settimana la città di Tulsa, nello stato dell'Oklahoma, in onore del centesimo anniversario del massacro razziale di Tulsa, noto tra i peggiori episodi di conflitto razziale nella storia americana.



La visita di un presidente degli Stati Uniti per l'occasione viene letta come un segnale per riconoscere il massacro razziale, la cui storia è stata a lungo soppressa e lasciata fuori dalla memoria nazionale.

Nel 1921, dalla sera del 31 maggio fino al pomeriggio del 1 giugno, una violenta folla di residenti bianchi di Tulsa attaccò un prospero quartiere nero, uccidendo centinaia di persone e lasciando la località in cenere.





La Casa Bianca ha dato l'annuncio martedì, subito dopo Biden e il vicepresidente Kamala Harris ha incontrato la famiglia di George Floyd, la cui uccisione un anno fa ha portato a massicce proteste contro il razzismo in tutto il paese.

L'anno scorso, l'ex presidente Donald Trump aveva visitato Tulsa durante la sua campagna per la rielezione, ma ha suscitato polemiche dopo che il suo raduno era stato inizialmente programmato per il 19 giugno, o 'Juneteenth', una vacanza che segna la fine della schiavitù negli Stati Uniti. La manifestazione è stata poi rinviata al giorno successivo.




heather locklear 1980

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Cos'è il massacro razziale di Tulsa?

Il massacro ha avuto luogo a Greenwood, un fiorente quartiere dominato dai neri che era sorto all'inizio del XX secolo sul lato nord di Tulsa, separato da un binario ferroviario dalla parte della città dominata dai bianchi a sud.



Una marcia guidata dal Rev. Dr. Robert Turner per le riparazioni relative al massacro della corsa di Tulsa del 1921, a Tulsa, Okla., 9 ottobre 2019. (The New York Times: Joseph Rushmore)

Conosciuta come Black Wall Street, Greenwood era una delle mete preferite per gli afroamericani degli stati del sud degli Stati Uniti, dove le leggi sostenevano attivamente il razzismo e privavano i neri di potere, per venire a cercare la mobilità verso l'alto.

La vivace località di 35 isolati (o unità di base) era gestita interamente da neri americani, con luoghi in cui vivere, lavorare, adorare, fare acquisti e giocare e contava circa 10.000 residenti. L'economia di Greenwood era isolata dal resto di Tulsa, poiché le leggi che sostenevano la segregazione razziale significavano che i neri non potevano andare negli stabilimenti gestiti dai bianchi.



I progressi del quartiere alimentò il risentimento negli occhi dei residenti bianchi di Tula e le tensioni razziali innescate nel 1921 lo portarono quasi a essere spazzato via dalla violenza.

Cosa ha scatenato la violenza?



Nel maggio 1921, secondo il Tulsa Historical Society and Museum, si verificarono una serie di eventi che quasi distrussero l'intera area di Greenwood.

Il 30 maggio 1921, un uomo di colore di nome Dick Rowland fu imprigionato con l'accusa di aver aggredito una donna bianca. Dopo il suo arresto, un rapporto incendiario pubblicato nell'edizione del 31 maggio del Tulsa Tribune ha stimolato uno scontro tra bande armate bianche e nere, secondo il sito web del museo. Alcuni dei membri della folla si armarono per proteggere Rowland, mentre altri volevano linciarlo.



La mattina del 1 giugno 1921, rivoltosi bianchi pesantemente armati saccheggiarono e incendiarono l'area di Greenwood, lasciando oltre 300 morti nella violenza. Alcuni dei rivoltosi sono stati deputati e hanno ricevuto armi da funzionari della città. I neri sono stati uccisi indiscriminatamente per le strade e si dice anche che gli aerei abbiano lanciato la dinamite sul quartiere. I vigili del fuoco giunti per domare le fiamme sono stati minacciati e costretti ad andarsene. I corpi di coloro che morirono furono sepolti in fosse comuni, mentre alcuni furono gettati in un fiume.


patrimonio netto di sunny ozell

Oltre 18 ore di distruzione hanno devastato la solida prosperità di Greenwood poiché tutti i suoi 35 blocchi sono stati rasi al suolo. Secondo il New York Times, oltre ai 300 morti, centinaia sono rimasti feriti e da 8.000 a 10.000 sono rimasti senza casa. Oltre 1.470 case sono state bruciate o saccheggiate.

L'allora governatore dello stato ha imposto la legge marziale dopo che il massacro era effettivamente terminato e le guardie che hanno contribuito a spegnere le fiamme hanno anche imprigionato i residenti neri, trattenendo 6.000 nei campi di internamento.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Cosa è successo dopo il massacro?

Il massacro ha portato alla rovina migliaia di famiglie, e le leggi razziste e le compagnie assicurative riluttanti hanno ostacolato gli imprenditori neri che volevano ricostruire. Nessuno è stato perseguito o punito per la devastazione.

Un gruppo di uomini neri viene fatto marciare oltre l'angolo tra la 2a e la strada principale a Tulsa, Okla., sotto scorta armata durante il massacro della corsa di Tulsa il 1 giugno 1921. (Dipartimento delle collezioni speciali, Biblioteca McFarlin, Università di Tulsa via AP )

Le autorità di Tulsa hanno attivamente ignorato e coperto il massacro e le notizie sono state soppresse, nonostante l'entità della carneficina. Le registrazioni degli incidenti della polizia e della milizia statale sono scomparse, così come la storia del Tulsa Tribune che è stata rimossa dai volumi rilegati. I libri di storia non hanno menzionato l'incidente per decenni e il silenzio ha fatto sì che il massacro rimanesse uno dei meno conosciuti o di cui si parlava nel discorso nazionale.

Nel 2001, una commissione dello stato dell'Oklahoma ha scoperto che la distruzione ha portato a richieste di perdita di proprietà di $ 2,8 milioni, circa $ 27 milioni in denaro di oggi. Oltre alla figura mastodontica, gli storici guardano anche ai potenziali guadagni economici e allo sviluppo generale che sono stati negati alla comunità nera americana se Greenwood fosse stato lasciato in piedi.


constance wu marito

Attualmente è in corso una causa e si è discusso se e come le famiglie colpite dal massacro debbano essere risarcite. Nessun risarcimento è stato finora pagato, secondo il rapporto del NYT.

Condividi Con I Tuoi Amici: