Spiegato: cosa significa la mossa del governo per aumentare il bioetanolo nella benzina? - Gennaio 2022

Esaminiamo le sfide chiave per aumentare il livello di miscela di etanolo per la benzina da circa il 5% attuale agli obiettivi fissati dal governo centrale.

In un'unità di lavorazione dello zucchero nell'Uttar Pradesh. (Foto espresso: Gajendra Yadav)

Il governo ha fissato obiettivi di miscelazione con bioetanolo del 10% della benzina entro il 2022 e di portarla al 20% entro il 2030 nell'ambito del programma di miscelazione dell'etanolo per ridurre le emissioni di carbonio e ridurre la dipendenza dell'India dal petrolio greggio importato. Gli impianti di bioetanolo 1G e 2G sono destinati a svolgere un ruolo chiave nel rendere disponibile il bioetanolo per la miscelazione, ma devono affrontare sfide nell'attrarre investimenti dal settore privato.

Esaminiamo le sfide chiave per aumentare il livello di miscela di etanolo per la benzina da circa il 5% attuale agli obiettivi fissati dal governo centrale.




brina palencia il morto che cammina

Cosa sono gli impianti a biocarburanti 1G e 2G?

Gli impianti di bioetanolo 1G utilizzano il succo di canna da zucchero e la melassa, sottoprodotti della produzione di zucchero, come materia prima, mentre gli impianti 2G utilizzano la biomassa in eccesso e i rifiuti agricoli per produrre bioetanolo. Attualmente, la produzione nazionale di bioetanolo non è sufficiente per soddisfare la domanda di bioetanolo da miscelare con la benzina presso le Indian Oil Marketing Company (OMC). Gli zuccherifici, che sono i principali fornitori nazionali di bioetanolo agli OMC, sono stati in grado di fornire solo 1,9 miliardi di litri di bioetanolo agli OMC, pari al 57,6 per cento della domanda totale di 3,3 miliardi di litri.



Perché gli impianti indiani non sono in grado di soddisfare la domanda di bioetanolo?

Gli esperti sottolineano che molti zuccherifici che sono nella posizione migliore per produrre bioetanolo non hanno la stabilità finanziaria per investire in impianti di biocarburanti e ci sono anche preoccupazioni tra gli investitori sull'incertezza del prezzo del bioetanolo in futuro. In generale, il settore dello zucchero ha i suoi problemi di bilancio, ha affermato Shishir Joshipura, CEO e amministratore delegato del fornitore nazionale di tecnologia dei biocarburanti Praj Industries, osservando che gli zuccherifici hanno dovuto pagare prezzi elevati per la canna da zucchero fissati dal governo anche quando c'è stata fornitura glutei.

I prezzi sia della canna da zucchero che del bioetanolo sono fissati dal governo centrale.



Un esperto di un importante OMC, ha affermato che il prezzo per ottenere i rifiuti agricoli necessari per la produzione di bioetanolo negli impianti 2G è attualmente troppo alto per essere redditizio per gli investitori privati ​​nel paese. L'esperto ha osservato che i governi statali avevano bisogno di creare depositi in cui gli agricoltori potessero depositare i loro rifiuti agricoli e che il governo centrale dovrebbe fissare un prezzo per i rifiuti agricoli per rendere allettanti gli investimenti nella produzione di bioetanolo 2G.

Le tre OMC statali Indian Oil Corporation Ltd., Bharat Petroleum Corporation Ltd. e Hindustan Petroleum Corporation Ltd. stanno attualmente installando impianti di bioetanolo 2G.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime



Cosa si può fare per incentivare gli investimenti nella produzione di bioetanolo?

Gli esperti dicono che il governo potrebbe fornire una maggiore visibilità sul prezzo del bioetanolo che gli zuccherifici possono aspettarsi annunciando un meccanismo attraverso il quale sarebbe deciso il prezzo del bioetanolo. L'impulso per l'assorbimento del bioetanolo è stato guidato dal governo di tutto il mondo e l'obiettivo che una certa percentuale di miscelazione dell'etanolo venga eseguita utilizzando l'etanolo generato da impianti 2G aiuterebbe a incrementare gli investimenti nell'area.

Joshipura ha affermato che il bioetanolo 2G non solo ha fornito una fonte di energia pulita, ma ha anche contribuito a fornire maggiori entrate agli agricoltori e impedire loro di dover bruciare rifiuti agricoli che possono essere una delle principali fonti di inquinamento atmosferico.