Spiegazione: quando fu formato il governo provvisorio dell'India nel 1946 - Gennaio 2022

Il 2 settembre 1946, il partito del Congresso formò il governo. Il 23 settembre, l'All-India Congress Committee (AICC) ha ratificato la decisione del Congress Working Committee.

2 settembre: quando lIl 2 settembre 1946 fu formato il governo provvisorio dell'India guidato da Jawaharlal Nehru. (File sorgente)

In questo giorno, nel 1946, fu formato il governo provvisorio dell'India guidato da Jawaharlal Nehru. È stato l'unico governo di questo tipo nella storia dell'India in cui i rivali storici del Congresso e della Lega musulmana hanno condiviso il potere al Centro. Il governo ad interim ha funzionato con un grande grado di autonomia, ed è rimasto al potere fino alla fine del dominio britannico, dopo di che è stato sostituito dai domini dell'India e del Pakistan.

Cosa ha portato alla formazione del governo provvisorio indiano, chi erano i suoi membri e quali decisioni ha preso?



A partire dalla missione Cripps nel 1942, le autorità coloniali fecero numerosi tentativi per formare un governo provvisorio in India.



Nel 1946 si tennero le elezioni per l'Assemblea Costituente in seguito alle proposte della Missione del Gabinetto Britannico inviate dal Primo Ministro britannico Clement Attlee. In queste elezioni, il Congresso ha ottenuto la maggioranza nell'Assemblea e la Lega musulmana ha consolidato il suo sostegno tra l'elettorato musulmano.


segna il patrimonio netto di Harm 2016

Il viceré Wavell ha successivamente invitato i rappresentanti indiani a unirsi al governo ad interim.



Uno schema federale era stato visualizzato ai sensi del Government of India Act del 1935, ma questo componente non fu mai implementato a causa dell'opposizione degli stati principeschi dell'India. Di conseguenza, il governo provvisorio ha funzionato secondo il precedente Government of India Act del 1919.

Il gabinetto provvisorio

Il 2 settembre 1946, il partito del Congresso formò il governo. Il 23 settembre, l'All-India Congress Committee (AICC) ha ratificato la decisione del Congress Working Committee.



La Lega musulmana inizialmente ha deciso di lasciare il governo e tre dei cinque ministeri riservati ai musulmani sono stati occupati da Asaf Ali, Sir Shafaat Ahmad Khan e Syed Ali Zaheer, tutti rappresentanti musulmani non appartenenti alla Lega. Restavano vacanti due posti.

Tuttavia, dopo che Lord Wavell ha accettato di assegnare tutti e cinque i portafogli riservati alla Lega musulmana se avesse accettato di cooperare, quest'ultima alla fine si è unita. A ottobre, il governo è stato rimescolato per accogliere i nuovi membri della Lega musulmana e Sarat Chandra Bose, Sir Shafaat Ahmad Khan e Syed Ali Zaheer dalla prima squadra sono stati eliminati. Baldev Singh, C.H. Bhabha e John Matthai hanno continuato a rappresentare le comunità minoritarie.

Il gabinetto dopo l'ottobre 1946 era il seguente:



CONGRESSO

Vicepresidente del Consiglio Esecutivo, Affari Esteri e Relazioni con il Commonwealth: Jawaharlal Nehru




patrimonio netto keyshia cole

Affari interni, informazione e trasmissione: Vallabhbhai Patel

Agricoltura e alimentazione: Rajendra Prasad

Educazione e Arte: C. Rajagopalachari

Difesa: Baldev Singh

Industrie e forniture: C. Rajagopalachari

Manodopera: Jagjivan Ram

Ferrovie e comunicazioni: Asaf Ali

Lavoro, miniere e potere: C.H. Bhabha

LEGA MUSULMANA ALL-INDIA

Commercio: Ibrahim Ismail Chundrigar


kate mckinnon salary snl

Finanza: Liaquat Ali Khan

Salute: Ghazanfar Ali Khan

Legge: Jogendra Nath Mandal

Messaggi e aria: Abdur Rab Nishtar

Alcune decisioni del governo

Il 26 settembre 1946, Nehru dichiarò il piano del governo di impegnarsi in relazioni diplomatiche dirette con tutti i paesi e missioni di buona volontà. Ha anche espresso sostegno per l'indipendenza delle nazioni colonizzate.

Nel novembre 1946, l'India ratificò la Convenzione sull'aviazione civile internazionale. Nello stesso mese è stato nominato un comitato per consigliare il governo sulla nazionalizzazione delle forze armate. A dicembre, Maulana Abul Kalam Azad è stato inserito nel governo.

L'anno 1947 vide l'apertura di canali diplomatici tra l'India e molti paesi. Nell'aprile 1947, gli Stati Uniti annunciarono la nomina del dottor Henry F. Grady a loro ambasciatore in India. Ad aprile sono iniziate anche le relazioni diplomatiche a livello di ambasciata con l'URSS e i Paesi Bassi. A maggio è arrivato il primo ambasciatore cinese, il dottor Lo Chia Luen, e il console generale belga a Calcutta è stato nominato ambasciatore del Belgio in India.

Il 1° giugno, il Dipartimento per le relazioni del Commonwealth indiano e il Dipartimento per gli affari esteri sono stati fusi per formare l'unico Dipartimento per gli affari esteri e le relazioni del Commonwealth.

Dopo l'annuncio della partizione il 3 giugno, è stato formato un sottocomitato di governo dedicato per affrontare la situazione il 5 giugno e composto da Jawaharlal Nehru, Sardar Vallabhai Patel, Liaquat Ali Khan, Abdur Rab Nishtar e Baldev Singh.

Successivamente, il 16 giugno, fu creato uno speciale comitato di gabinetto volto ad affrontare le conseguenze amministrative della partizione. Comprendeva il viceré, Sardar Vallabhai Patel, Rajendra Prasad, Liaquat Ali Khan e Abdur Rab Nishtar. Questo comitato è stato successivamente sostituito da un Consiglio di partizione.