Spiegazione: perché Apple ha abbandonato Intel per ARM sui Mac? - Febbraio 2023

Quasi otto anni dopo, le ambizioni di Apple di dipendere meno da aziende come Intel e Qualcomm mostrano come è progredita nelle aree della progettazione e dello sviluppo di chipset.

Chip di progettazione personalizzata Apple, Mac Apple WWDC, chipset Apple ArmApple afferma che i suoi chip progettati su misura per Mac offriranno prestazioni migliori, ma consumeranno meno energia. Immagine: Apple Inc

Alla sua Worldwide Developer Conference (WWDC), la prima ad essere organizzata completamente online, appena conclusa, Apple ha annunciato presto avrà i suoi chipset che alimenta la sua gamma di computer Mac. Ora, questi funzionano sui processori con architettura Intel X86. Nel corso dei prossimi due anni, Apple passerà i suoi Mac anche ai processori serie A basati su architettura ARM, che ora alimentano iPhone e iPad.



Il passaggio di Apple ai propri chip basati su ARM e progettati su misura per i suoi computer Mac era previsto da tempo. La semplice ragione dietro il cambiamento è l'ossessione di Cupertino per il controllo end-to-end sul suo hardware e software: ha ottenuto lo stesso con quasi tutti gli altri suoi prodotti, inclusi iPhone e iPad.

Apple afferma che i suoi chip progettati su misura per Mac offriranno prestazioni migliori, ma consumeranno meno energia. Il gigante della tecnologia ha inoltre affermato che il suo Apple Silicon renderà anche più facile per gli sviluppatori scrivere app per l'intero ecosistema. Utilizzando i propri chipset, Apple può anche migliorare la sicurezza dei suoi computer Mac, rendendo più difficile l'intrusione per gli hacker. Inoltre, il pieno controllo significherà che Apple può spingere la busta su ciò che un Mac può ottenere: forse una batteria di 24 ore vita e connettività 5G integrata.





Una volta che Apple avrà i Mac in esecuzione sul suo silicio, sarà in grado di eseguire app iOS in modo nativo su Mac OS senza alcuna alterazione. Per assicurarsi che le app funzionino su qualsiasi dispositivo con un chip Apple, Apple ha creato un nuovo motore universale per gli sviluppatori. Per quelle app che non funzionano ancora sul nuovo silicio, Apple ha annunciato Rosetta 2 in macOS Big Sur, una sorta di convertitore che fa funzionare le app non compatibili sui nuovi chip.

Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clic qui per unirti al nostro canale (@ieexplained) e rimani aggiornato con le ultime




jessica beppler età

Apple produce processori mobili sin dai tempi dell'iPhone 4 e del primo iPad, entrambi dotati del SoC Apple A4. Il primo chipset realizzato da Apple è arrivato sotto la supervisione di Johny Srouji, ora vicepresidente senior di Hardware Technologies presso Apple, una delle cariche più importanti all'interno dell'azienda. ( Ecco 10 fatti interessanti su Srouji )

Quasi otto anni dopo, le ambizioni di Apple di dipendere meno da aziende come Intel e Qualcomm mostrano come è progredita nelle aree della progettazione e dello sviluppo di chipset. Ora è abbastanza sicuro di lanciare i suoi ultimi processori mobili della serie A contro i chip per computer Intel. Rivelando l'iPad Pro nel 2018, Apple ha affermato che il suo processore A12X era più veloce del 92% dei PC portatili venduti sul mercato.



Intel continua a dominare il mercato dei PC con i suoi chipset, ma negli ultimi anni ha faticato a mostrare grandi miglioramenti nelle prestazioni. Ha anche faticato a consegnare in tempo, il che per un'azienda ossessionata dal controllo come Apple è più che una preoccupazione.

Da non perdere | Tutto ciò che Apple non ha annunciato al WWDC 2020: AirPods Studio, AirTags e altro



Ci sono anche domande che vengono sollevate sul fatto che i chip ARM di Apple possano effettivamente sostituire i processori di Intel e AMD. Apple dice solo che i suoi chip progettati su misura sono potenti, senza entrare nei dettagli.

Condividi Con I Tuoi Amici: