Spiegato: Perché la Colombia sta assistendo a un'ondata di violenza? - Luglio 2022

Le proteste sono iniziate mercoledì scorso contro una proposta di riforma fiscale. Sebbene il piano fiscale sia stato accantonato, le proteste da allora si sono trasformate in una più ampia manifestazione di opposizione al governo di Duque, alla povertà e alla violenza della polizia.

Il presidente Ivan Duque, tra le accuse di brutalità della polizia nelle proteste antigovernative in corso, chiederebbe al Congresso di approvare una migliore formazione sui diritti umani per la polizia. (AP)

La Colombia sta assistendo a un'ondata di violenza e giorni di proteste contro una proposta di riforma fiscale ormai archiviata hanno provocato almeno 19 morti e 846 feriti negli scontri tra polizia e manifestanti.

Un coro crescente a livello internazionale si è espresso contro il governo colombiano, comprese le Nazioni Unite, gli Stati Uniti e l'Unione Europea, che hanno criticato la sua risposta pesante ai disordini.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



Il difensore civico per i diritti umani del paese, un organismo statale indipendente dal governo, ha contrassegnato 89 persone come scomparse. Il governo stesso, tuttavia, ha riconosciuto la morte di un civile e di un agente di polizia.

Cosa sta succedendo in Colombia?

Le proteste sono iniziate mercoledì scorso contro una proposta di riforma fiscale dal governo del presidente conservatore Ivan Duque. La proposta mirava ad aumentare le tasse delle imprese, rimuovere alcune esenzioni di cui godevano i privati ​​e diminuire la soglia degli stipendi che sarebbero stati tassati.



Le misure avevano lo scopo di porre rimedio alla terribile situazione in cui si trova attualmente la Colombia. Il paese andino sta affrontando la peggiore crisi degli ultimi 50 anni, con la pandemia che ha ridotto la sua economia del 6,8 per cento lo scorso anno e la disoccupazione che è salita al 16,8 per cento a marzo. Circa la metà del Paese vive in povertà, secondo i dati ufficiali.

Sebbene il piano fiscale sia stato accantonato e il ministro delle finanze si sia dimesso, le proteste da allora si sono trasformate in una più ampia manifestazione di opposizione contro il governo di Duque, la povertà e la violenza della polizia.


david cassidy ricchezza netta

Da allora i manifestanti si sono radunati in varie parti del paese. Martedì, le strade sono state bloccate in molte città a causa dei nuovi disordini scoppiati nella capitale Bogotà. Cali, la terza città più grande del paese, è stata la più colpita, con il governo che ha ordinato ai soldati di pattugliare le strade da venerdì. I blocchi stradali hanno anche portato a ritardare le spedizioni dal porto di Buenaventura nell'Oceano Pacifico, secondo quanto riferito. Anche la Confederazione calcistica sudamericana è stata costretta a spostare due partite di calcio della Copa Libertadores in Paraguay.



Secondo anAFPrapporto, 47.500 persone in uniforme sono state dispiegate in tutto il paese dal Ministero della Difesa. A Cali sono stati schierati 700 soldati, 500 agenti di polizia antisommossa, 1.800 altri poliziotti e due elicotteri. Almeno 11 dei 19 decessi nel Paese sono avvenuti a Cali.

Mercoledì sono in programma nuove proteste e uno sciopero nazionale, con attivisti che chiedono una garanzia di reddito di base, il ritiro di una proposta di riforma sanitaria del governo e lo scioglimento della polizia antisommossa, come daReuters.


eric bolling stipendio

Come ha reagito la comunità internazionale?

Martedì, l'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha espresso profondo shock per un incidente a Cali, in cui ha affermato che la polizia ha sparato sui manifestanti.



Quello che possiamo dire chiaramente è che abbiamo ricevuto rapporti, e abbiamo testimoni, (di) uso eccessivo della forza da parte degli agenti di sicurezza, sparatorie, uso di munizioni vere, percosse di manifestanti e anche detenzioni, ha affermato Marta Hurtado, portavoce delle Nazioni Unite .

L'UE ha anche condannato la morte di 19 persone, 18 civili e un ufficiale di polizia, e ha affermato che è prioritario che le forze di sicurezza desistano dall'uso sproporzionato della forza. Gli Stati Uniti hanno anche sollecitato la massima moderazione da parte delle forze pubbliche per prevenire ulteriori perdite di vite umane.



Anche Amnesty International ha chiesto la fine della repressione delle proteste e della militarizzazione delle città.

Il governo Duque, tuttavia, ha adottato una posizione dura nei confronti dei manifestanti, con il ministro della Difesa Diego Molano che ha definito le violenze sistematiche, premeditate e finanziate da organizzazioni criminali, e ha esortato le forze pubbliche a essere spietate nei confronti di coloro che utilizzano atti di vandalismo.

Duque, nel frattempo, ha chiesto ai colombiani di abiurare la violenza e ha promesso di creare uno spazio per ascoltare i cittadini e costruire soluzioni orientate a quegli obiettivi, dove il nostro più profondo patriottismo, e non le differenze politiche, dovrebbe intercedere - un appello che riecheggia l'impegno del suo governo nel 2019 per creare un cosiddetto dialogo nazionale, che gruppi della società civile e sindacati sostengono debba ancora concretizzarsi.