Spiegazione: perché la Russia non può partecipare alle Olimpiadi di Tokyo, alla Coppa del Mondo FIFA - Luglio 2022

Il divieto dell'Agenzia mondiale antidoping è arrivato in risposta al presunto programma antidoping della Russia. Come si è svolto il programma e quali nuove rivelazioni hanno portato alla proposta?

Spiegato: perché la Russia deve affrontare il divieto sportivo internazionale, comprese le Olimpiadi di Tokyo?Un edificio di Mosca che ospita un laboratorio accreditato WADA. (Foto Reuters)

L'Agenzia mondiale antidoping (WADA) lunedì ha vietato alla Russia per quattro anni di competere in eventi internazionali, tra cui le Olimpiadi di Tokyo del prossimo anno e la Coppa del Mondo FIFA nel 2022. La mossa deriva da nuove rivelazioni in un programma di doping che la Russia è stata accusata di. Uno sguardo a cosa tratta il presunto programma:

Come si sono sviluppate queste accuse?



Negli ultimi cinque anni, informatori e investigatori hanno accusato la Russia di gestire un programma di doping così sofisticato da costringere le federazioni internazionali a impedire ai suoi atleti di competere nei grandi eventi. Nel settembre 2018, dopo molteplici indagini, la WADA ha revocato le sanzioni a condizione che la Russia consegni i dati degli atleti ai regolatori del doping dal suo laboratorio di Mosca, il che aiuterebbe a identificare centinaia di atleti che potrebbero aver imbrogliato in vari sport.




denise boutte net worth

Ora, la Russia è stata accusata di aver manipolato quel database. Questo è ciò che ha portato il panel della WADA a suggerire il divieto di quattro anni.

Spiegato: perché la Russia deve affrontare il divieto sportivo internazionale, comprese le Olimpiadi di Tokyo?Grigory Rodchenkov, ex capo del laboratorio antidoping russo diventato informatore. (foto di New York)

Di cosa è stata originariamente accusata la Russia?



Nel 2014, la runner degli 800 metri Yulia Stepanova e suo marito Vitaly - un ex dipendente dell'agenzia antidoping russa, RUSADA - sono apparsi in un documentario tedesco e hanno sollevato il coperchio su quello che in seguito è stato descritto come uno dei programmi di doping più sofisticati nella storia dello sport .

Due anni dopo, un altro informatore - Grigory Rodchenkov, ex capo della RUSADA - ha dichiarato al New York Times che la Russia ha gestito uno schema antidoping attentamente pianificato e sponsorizzato dallo stato. Le affermazioni di Rodchenkov erano più schiaccianti. Ha accusato una cospirazione più ampia, in cui l'antidoping del paese e i membri dei servizi di intelligence hanno sostituito i campioni di urina degli atleti attraverso un foro nascosto nel muro nel laboratorio dell'agenzia durante le Olimpiadi invernali di Sochi del 2014. Il laboratorio, secondo le indagini, era sorvegliato da membri dei servizi di sicurezza statali russi.

Successivamente, il Comitato Olimpico Internazionale (CIO), la WADA e altre federazioni mondiali hanno avviato una serie di indagini.



Spiegato: perché la Russia deve affrontare il divieto sportivo internazionale, comprese le Olimpiadi di Tokyo?Una bandiera russa è tenuta sopra gli anelli olimpici all'Adler Arena Skating Center durante le Olimpiadi invernali di Sochi, in Russia. (Fonte: AP)

Che cosa hanno guardato queste indagini?

La WADA ha avviato un'indagine indipendente guidata dall'avvocato canadese Richard McLaren per esaminare il funzionamento del laboratorio di Mosca. Il CIO ha commissionato due indagini, una delle quali ha esaminato le prove della manipolazione dei campioni ai Giochi di Sochi e l'altra per scoprire il coinvolgimento dello stato russo.

Il rapporto della McLaren ha esposto le prove del doping sponsorizzato dallo stato durante le Olimpiadi di Sochi. Anche una commissione del CIO ha giudicato dozzine di atleti russi colpevoli di essere coinvolti in violazioni delle regole antidoping in quei Giochi. L'altra indagine del CIO ha confermato che le autorità russe avevano sviluppato un sistema che consentiva al laboratorio con sede a Mosca di modificare i risultati dei test e manomettere i campioni raccolti durante quell'evento.



E poi che è successo?


tom holland e andrew garfield

Immediatamente dopo che le accuse sono emerse, l'accreditamento del laboratorio antidoping russo è stato sospeso nel 2015. Dopo le indagini preliminari, il CIO ha rimosso 111 atleti, tra cui l'intera squadra di atletica leggera, dal contingente russo di 389 membri per le Olimpiadi di Rio. A seguito di un'indagine più approfondita, il CIO ha suggerito un divieto completo della partecipazione della Russia alle Olimpiadi invernali del 2018 a Pyeongchang, in Corea del Sud. Alla fine, 168 atleti hanno partecipato grazie a speciali deroghe delle federazioni internazionali. Ma al Comitato Olimpico russo è stato impedito di partecipare all'evento e la bandiera del paese non è stata ufficialmente esposta in nessuno dei luoghi. Anche gli atleti russi sono stati costretti a indossare divise neutre con stampata su Olympic Athlete From Russia.



Spiegato: perché la Russia deve affrontare il divieto sportivo internazionale, comprese le Olimpiadi di Tokyo?Un segno di lettura nazionale russa Agenzia antidoping RUSADA su un edificio a Mosca, Russia. (Fonte: AP)

Perché la WADA ha revocato le sanzioni in seguito?

Questa è stata una decisione inaspettata nel settembre 2018, presa nonostante le proteste di atleti e funzionari antidoping di tutto il mondo dopo i negoziati tra i funzionari russi e i leader delle organizzazioni sportive internazionali. Inizialmente, in un accordo con la WADA, la Russia avrebbe dovuto ammettere le irregolarità e consegnare dati e campioni prima di essere reintegrata. Successivamente, tuttavia, la WADA ha fatto marcia indietro sulla richiesta e, secondo il New York Times, ha accettato (ndr) i risultati meno severi sul ruolo del governo, come evidenziato da una commissione del CIO. Il presidente della WADA Craig Reedie, tuttavia, ha affermato che il ripristino è avvenuto con 'condizioni rigorose', che includevano l'accesso alla WADA al laboratorio di Mosca che conteneva i dati degli atleti.

La Russia ha concesso l'accesso e ha inviato i dati dell'atleta?

Nel gennaio 2019, un team di tre membri della WADA ha recuperato i 2.262 campioni dal laboratorio di Mosca attraverso i suoi vari server, strumenti, computer e altre apparecchiature elettroniche, secondo una dichiarazione della WADA. I dati sono stati trasportati fuori dalla Russia per l'autenticazione e l'analisi dettagliata da parte della WADA.

A luglio, la WADA ha affermato che i suoi investigatori stavano esaminando alcune differenze tra i dati recuperati dal laboratorio di Mosca e un database separato fornitogli da un informatore nel 2017, sollevando così dubbi sulla validità dei dati presentati dalla Russia.

Cosa succede dopo?


peter dinklage patrimonio netto 2019

Nel caso in cui la Russia rifiuti la decisione della WADA, la questione sarà deferita alla Corte di arbitrato per lo sport (CAS). Se il CAS sostiene le raccomandazioni, queste saranno vincolanti e dovranno essere applicate da tutte le federazioni internazionali.

Da non perdere Explained: come funziona la nuova norma di divulgazione predefinita di Sebi

Nota del redattore: questo articolo è stato pubblicato per la prima volta il 28 novembre con il titolo 'Perché la Russia deve affrontare un divieto sportivo internazionale, comprese le Olimpiadi di Tokyo'. È stato aggiornato il 9 dicembre dopo che la WADA ha imposto alla Russia un divieto di quattro anni.