È morto il famoso scrittore urdu Shamsur Rahman Faruqi - Dicembre 2022

L'handle Twitter di Dastangoi Collective ha confermato la notizia e ha informato che Faruqi ha esalato l'ultimo respiro al suo posto ad Allahabad alle 11.20

Shamsur Rahman Faruqi, Shamsur Rahman Faruqi, Shamsur Rahman Faruqi morto, Shamsur Rahman Faruqi autore urdu morto, indian express, notizie indian expressA novembre, la storica Rana Safvi aveva twittato che Faruqi era risultato positivo al COVID-19. (Fonte: Wikimedia Commons)

In un anno pieno di tragiche notizie, il poeta e teorico indiano Shamsur Rahman Faruqi è morto. L'handle Twitter di Dastangoi Collective ha confermato la notizia e ha informato che Faruqi ha esalato l'ultimo respiro nella sua casa di Allahabad alle 11.20. Successivamente è stato trasportato in aereo a Delhi e verrà messo a riposo all'Ashoknagar Nevada Qabristan.



A novembre, la storica Rana Safvi aveva twittato che Faruqi era risultato positivo al COVID-19.

Nato il 30 settembre 1935, Faruqi era noto per la sua applicazione della critica occidentale alla letteratura urdu, ma non prima di averla adattata alla sensibilità nativa. Il contributo del romanziere alla letteratura urdu è immenso e per certi versi persino incommensurabile. Un suo profilo su Caravan alludeva a questo e menzionava la rivista in urdu per cui ha lavorato instancabilmente, per quattro decenni - Shabkhoon . L'intento, come affermato, era quello di trovare una via nella letteratura al di là della radicata influenza imperiale.




concedere spettacolo patrimonio netto

Il lavoro di Faruqi è posto sullo stile di vita indo-musulmano dei secoli XVIII e XIX. Ha scritto continuamente sulle difficoltà affrontate dalle minoranze. In una colonna in questo sito web , aveva affermato, Personalmente, sono contro burka, hijab, zucchetto, barba incolta, tutto il lavoro. Se possibile, non perdo mai l'occasione di rimproverare chi indossa una delle appendici di cui sopra. Ma ammiro ogni tentativo di una minoranza in una democrazia di affermare la propria identità. Fintanto che tali tentativi non sono vietati, dovrebbero essere capiti per quello che sono: i tentativi di un individuo di affermare il suo diritto ad essere ciò che è.

Oltre a lavorare per espandere e sostenere la rilevanza della letteratura urdu, ha anche fatto rivivere l'arte perduta della narrazione orale - dastan . Era critico nei confronti degli scrittori progressisti, perché sentiva che soffocavano gli altri scrittori. In un'intervista a Come , è stato citato come dicendo: Per loro, la letteratura doveva seguire le forze del cambiamento sociale sulla falsariga dei marxisti. Altri modi di vedere non erano da considerarsi letteratura. Questa divenne la dottrina standard degli scrittori progressisti negli anni '50 e nei primi anni '60, quando il movimento iniziò a perdere vigore. Ha continuato: I progressisti non hanno incoraggiato i nuovi autori a scegliere i propri temi e atteggiamenti nei confronti della vita. Scrittori come me, che provenivano da fuori l'establishment letterario urdu standard, iniziarono a sfidare l'egemonia dei progressisti e la mia rivista divenne l'alfiere di quella sfida.



Ha trascorso la sua vita ad Allahabad perché tutti i suoi libri erano lì e, come ha rivelato nella stessa intervista, era anche la casa dell'eredità di sua moglie Jamila.