L'attacco terroristico di sabato ad Ankara: la Turchia è diretta al collasso? - Luglio 2022

Le radici della crisi affondano nel 2009, quando il regime islamista del presidente Recep Tayyip Erdogan vide nella Primavera araba un'opportunità per porre la Turchia al centro di un nuovo ordine dell'Asia occidentale.

notizie sul tacchino, esplosioni in tacchino, esplosioni in ankara, esplosioni in tacchino ankara, proteste in Turchia, notizie su ankara, notizie dal mondo, ultime notizie, esplosione in Turchia, esplosione in ankara, stato islamicoI manifestanti mostrano il segno V durante una manifestazione per protestare contro le esplosioni di sabato a Diyarbakir, in Turchia, domenica 11 ottobre 2015. (Fonte: AP)

Siamo in Medio Oriente, ha scritto l'eminente giornalista turco Mehmet Barlas dopo che i sospetti attentatori suicidi dello Stato Islamico hanno preso di mira un raduno ad Ankara sabato, uccidendo almeno 97 persone, il peggior attacco terroristico nella storia della contea. Una bomba esplode, la gente muore. Anche noi siamo un paese del Medio Oriente.

Tranne, la Turchia non lo è: lo stesso Mehmet Barlas è noto per godersi un drink di tanto in tanto; è sposato con la Canan Barlas, molto occidentalizzata; vive in una villa che, come altre a Istanbul, attinge a ideali di vita plasmati in Europa; ha un senso dell'umorismo che la polizia religiosa di Riyadh non approverebbe.




quanto guadagna eric roberts

La geografia, tuttavia, può essere il destino e il bombardamento ha portato molti a chiedersi se la Turchia possa sfuggire al destino del suo vicinato.



[articolo correlato]

Le radici della crisi affondano nel 2009, quando il regime islamista del presidente Recep Tayyip Erdogan vide nella Primavera araba un'opportunità per porre la Turchia al centro di un nuovo ordine dell'Asia occidentale. L'idea, ha detto il ministro degli Esteri Ahmet Davatoglu, era quella di costruire una sorta di rinato impero ottomano, in cui Istanbul avrebbe reintegrato la regione balcanica, il Medio Oriente e il Caucaso.



Come la maggior parte dei grandi complotti geopolitici, questo è presto uscito dal copione. La primavera araba è crollata nell'estate araba, un calderone bruciante di violenza jihadista. Il sostegno di Erdogan ai cosiddetti ribelli moderati in Siria - in effetti, principalmente islamisti legati ai Fratelli musulmani - ha consegnato la vittoria ad al-Qaeda e allo Stato islamico.

A sua volta, l'attacco jihadista ha portato i governi occidentali ad armare i curdi, il gruppo etnico al centro della lunga insurrezione secessionista etnico-religiosa della Turchia.

Temendo la crescita del potere curdo, il governo di Erdogan ha ordinato attacchi contro l'insorto Partiya Karkerên Kurdistan o PKK, che ha risposto uccidendo oltre 100 poliziotti e ufficiali militari turchi.



I jihadisti dello Stato Islamico, nel frattempo, hanno portato la loro campagna anti-curda in Siria e in Iraq in Turchia, in particolare organizzando un attentato suicida che ha mietuto 33 vite quest'estate.

Ci sono, allo stato attuale, tre ragioni per credere che la violenza in Turchia aumenterà. In primo luogo, oltre 1.400 cittadini turchi stanno ora servendo con lo Stato Islamico e altri gruppi jihadisti, un nucleo che potrebbe portare la guerra a casa.

Inoltre, c'è una crescente aggressione nazionalista turca contro i curdi, qualcosa che potrebbe legittimare o alimentare la violenza islamista.




rita non ne vale la pena

Infine, c'è il problema curdo. Sebbene i gruppi curdi avessero annunciato che avrebbero ripreso un cessate il fuoco, i continui attacchi terroristici e la mobilitazione di destra rendono ogni futuro accordo di pace molto più difficile.

Detto questo, la Turchia non è l'Iraq o l'Egitto: nonostante il crescente autoritarismo di Erdogan, c'è una solida tradizione democratica; la società civile è vivace; le libertà delle donne sono forti; e l'economia, anche se in rallentamento, non sta per crollare. Lo Stato turco, inoltre, ha finora dimostrato che le sue radici sono troppo profonde per essere spazzate via da insurrezioni o terrorismo.