Shani Shingnapur Row: Come una tradizione di 400 anni è crollata in appena quattro mesi - Gennaio 2022

Il fatto che le catene si siano staccate il giorno di Gudi Padwa, il capodanno del Maharasht, parla eloquentemente della ricca tradizione maharashtriana di abbracciare il nuovo e liberarsi del vecchio nel loro cammino verso la pace e il progresso.

Shani Shingnapur, fila Shani Shingnapur, fila del tempio Shani, Trupti Desai, controversia sul tempio ShaniI devoti, comprese le donne, pregano lunedì nel santuario di Shani Shingnapur. (Foto espresso: Sandeep Daundkar)

Quello che non poteva accadere in 400 anni, alla fine è crollato in appena quattro mesi nel tempio di Shani Shingnapur nel distretto di Ahmednagar nel Maharashtra. No, non c'erano partiti politici che alzavano il livello di decibel o impazzivano per fare a modo loro. Era un semplice atto di marciare avanti a testa alta e una determinazione che era semplicemente insopprimibile.

E l'atto è stato eseguito nientemeno che dalle stesse donne. Mentre Priyanka Jagtap (21), una studentessa e Pushpak Kevadkar (31), che gestisce una scuola guida, sono entrati nel sanctum sanctorum del tempio di Shani Shingnapur – la piattaforma sacra dove era stato installato l'idolo di roccia di Shani – e hanno offerto adorazione alle 17:15 , hanno infranto un'antica usanza sgradevole ampiamente diffusa nei templi di tutto lo stato e che trasformava le donne in cittadini di seconda classe nel Maharashtra.



LEGGI: ​​Rompendo la tradizione di 400 anni, le donne entrano nel sancta sanctorum di Shani Shingnapur



Significativamente, molti credono che il loro ingresso inaugurale nel santuario interno del tempio abbia ripristinato la credibilità di uno stato noto per le sue idee progressiste e dove donne rivoluzionarie come Jijabai, Savitribai Phule e Ahilyabai Holkar guidavano dal fronte.

Il fatto che le catene si siano staccate il giorno di Gudi Padwa, il capodanno del Maharasht, parla eloquentemente della ricca tradizione maharashtriana di abbracciare il nuovo e liberarsi del vecchio nel loro cammino verso la pace e il progresso.




patrimonio netto di dana white

Sia Jagtap che Kevadkar appartengono alla Brigata Bhumata Mahila. In precedenza facevano parte della Brigata Bhumata guidata da Trupti Desai. Desai, che era rimasta incrollabile e incrollabile nel suo impegno a difendere il diritto fondamentale delle donne alla preghiera, meritatamente poi è salita sulla piattaforma sacra esattamente alle 19:05 e ha offerto il culto. Come ha detto notoriamente, Ye Naari Shakti ki jeet hoyee hain (Questa è una vittoria del potere delle donne), Desai ha percorso il percorso che pochi hanno osato fare in oltre 400 anni.

LEGGI: ​​Alle donne è stato impedito di entrare nell'area del santuario centrale, hanno chiesto di mostrare l'ordine del tribunale

L'innesco della sua battaglia per le attiviste è arrivato il 28 novembre dello scorso anno, quando una donna è entrata nel sancta sanctorum. La piattaforma sacra si chiama sanctum sanctorum, dove dal 2011 è vietato l'ingresso sia agli uomini che alle donne. Solo al sacerdote del tempio - un maschio - erano stati dati i diritti sul luogo pio.



Dopo che la donna è entrata nel sancta sanctorum il 28 novembre, si è scatenato l'inferno. Gli abitanti del villaggio di Shingnapur, dove è difficile trovare persone istruite, hanno perso la calma. Hanno protestato, gridato allo scandalo e chiuso l'attività per un giorno.

Ben sette addetti alla sicurezza, che si sono fatti corto dal punto in cui la donna è riuscita ad entrare, sono stati mandati a casa. La sicurezza intorno al sancta sanctorum è stata rafforzata, sono state posizionate più telecamere e tutti sono stati avvertiti di essere più vigili per tenere a bada le donne. Nessuno sapeva da dove venisse la donna e dove fosse scomparsa. La sua identità rimane sconosciuta fino ad oggi. Se l'ha fatto deliberatamente o è successo accidentalmente, nessuno ha la più pallida idea. Anche se lo sapessero, nessuno è pronto a svelare tutto.

L'incidente ha scosso Shingnapur come mai prima d'ora. Il gruppo collettivo di abitanti del villaggio, fiduciari del tempio e sacerdoti non riusciva a digerire il fatto che una donna fosse entrata nella piattaforma sacra. A quanto pare, quella notte non sono riusciti a strizzare l'occhio. Il giorno dopo, si alzarono ed eseguirono una cerimonia di purificazione chiamata dhoodh abhishek.



Mentre l'intero villaggio osservava, la piattaforma è stata bagnata nel latte e i mantra sono stati pronunciati come per purificare anche l'aria in un villaggio dove la polvere ti entra costantemente nei polmoni e negli occhi e ti spalma il viso con uno spesso strato. Con il loro villaggio che ottiene più occhi per un atto descritto dagli intellettuali nel Maharashtra come indesiderabile, gli abitanti del villaggio e gli amministratori fiduciari si sono sforzati di negare con veemenza che qualsiasi dramma di purificazione fosse stato messo in scena nei recinti del tempio.

quandoquesto sito webhanno cercato di parlare con i fiduciari e i sacerdoti del tempio e hanno chiesto loro se avessero fatto ricorso a tali atti, hanno finto di ignorare e hanno descritto la purificazione del latte come una pratica quotidiana. Ma Trupti Desai non voleva niente di tutto ciò, lo trovava non solo sgradevole, ma un atto troppo umiliante per le donne in un paese che giura per l'uguaglianza per entrambi i sessi.



Anche 66 anni dopo che la nostra Costituzione ha garantito la parità di diritti sia alle donne che agli uomini, le donne vengono sfacciatamente umiliate nei luoghi di culto, i loro diritti fondamentali vengono schiacciati pubblicamente e nozioni completamente regressive che mettono in discussione la purezza delle donne vengono giocate sfacciatamente, ha affermato Desai, un commerciante laureata, che ha intrapreso l'attivismo durante i tempi del college e da allora non si è mai guardata indietro.

Desai ha detto che l'incidente del 28 novembre e il comportamento degli abitanti del villaggio di Shingnapur l'hanno colpita duramente. Gli abitanti del villaggio hanno reagito in questo modo perché le idee sbagliate hanno messo radici nelle loro menti; delle donne mestruate che sono impure e impure. E questa mentalità obsoleta, dice Desai, si è diffusa in lungo e in largo con il risultato che, tempio dopo tempio nel Maharashtra, le donne sono state cacciate dal sancta sanctorum. Quello che è stato snervante è la risposta sia dello stato che dei governi centrali, che avevano interpretato alla perfezione gli spettatori. Pertanto, ho pensato che fosse ora di raccogliere le coccole e porre fine a questa campagna di odio contro le donne che viene praticata nei templi e affermare il nostro diritto fondamentale garantito dalla nostra Costituzione, afferma Desai, madre di un bambino di sette anni.

Il 20 dicembre, Desai e tre membri della sua Brigata Bhumata hanno quindi tentato di entrare nel santuario interno del tempio. Ma non sono riusciti a realizzare il loro intento poiché il personale di sicurezza ha ostacolato la loro offerta. La Brigata ha quindi concesso 8 giorni alla direzione del tempio di Shingnapur per cambiare posizione o affrontare la propria ira. Non ha funzionato. Il 26 gennaio, Desai insieme a 1500 donne provenienti da diverse parti del Maharashtra hanno deciso di assaltare il tempio di Shingnapur, ma il loro tentativo è stato sventato quando la polizia di Ahmednagar si è fermata e le ha detenute a circa 50 km dal tempio.

Mentre i canali televisivi trasmettevano e riproducevano un'esuberante Desai e il suo gruppo aggressivo disteso sul pavimento, resistendo ai tentativi della polizia di fermare la loro marcia, la nazione osservava il modo in cui le sue donne venivano trattate. Apparentemente ha commosso il primo ministro del Maharashtra Devendra Fadnavis che ha twittato che uomini e donne meritano uguale rispetto nei luoghi di culto. Ha poi incontrato Desai e il suo team, promettendo di persona di onorare il diritto delle donne di pregare.

Desai nel frattempo ha rivolto il suo sguardo al tempio di Trimbakeshwar a Nashik, dove anche le donne subiscono la stessa sorte: essere escluse dal sancta sanctorum. Il tempio di Kashi Vishwashwer come il tempio di Trimbakeshwar è uno dei 12 jyotirling del paese. Nel tempio di Kashi Vishwashwer, le donne sono ammesse nell'area del santuario centrale ma non a Trimbakeshwar... Come possono esserci due serie di regole nei templi che giurano sugli stessi principi e rituali? Sembra ridursi alla mentalità conservatrice della società dominata dagli uomini...

Desai ha detto che è giunto il momento che la nazione stronchi le tendenze che cercano di soggiogare le donne. Per secoli, la nostra società dominata dagli uomini ha fatto a modo suo. Di conseguenza, le donne non hanno mai avuto il posto d'onore che meritavano. Se la nascita di un bambino è la festa più grande nelle nostre famiglie, come possono allora chiamare impuro il processo senza il quale il bambino non può venire al mondo? lei chiede.

Anche le nostre scritture considerano un uomo incompleto senza una donna. Lord Shiva è stato chiamato incompleto senza Parvati al suo fianco... Allora perché le donne ricevono un trattamento secondario... Perché non possono essere su un piano di parità con gli uomini.

Nel frattempo, il 31 marzo e il 1 aprile, l'Alta Corte di Bombay su una petizione dell'attivista Vidya Bal e altri ha ordinato al governo statale di difendere il diritto fondamentale delle donne alla preghiera. Coloro che impediscono alle donne di entrare nei luoghi di culto dovrebbero essere arrestati... secondo la legge rischiano sei mesi di carcere, ha stabilito il tribunale.

Armati della sentenza dell'Alta Corte di Bombay, Desai e una trentina di donne della sua Brigata Bhumata avevano deciso di assaltare il tempio di Shani Shingnapur il 2 aprile, che per inciso era sabato, un giorno in cui i devoti di Lord Shani affollavano i templi.


peter dinklage patrimonio netto 2019

Con lo stesso governo del Maharashtra che ha depositato una dichiarazione giurata presso l'Alta corte che rispetta l'uguaglianza di uomini e donne nell'accesso ai luoghi di culto, è stato ampiamente previsto che il 2 aprile le attiviste avrebbero avuto la loro giornata e il Maharashtra sarebbe stato in grado di voltare pagina dando alle donne il loro posto d'onore nei luoghi di culto. Con lo svolgersi della giornata, è diventato chiaro che né il potere né le persone con una mentalità arcaica erano preparate a mostrare alcun briciolo di rispetto alle loro madri, sorelle e figlie.

E come si è scoperto che le donne attiviste sono state praticamente cacciate dai locali del tempio sacro attraverso, ciò che le attiviste, hanno detto una strategia ben pianificata. Era chiaro che la polizia, l'amministrazione del distretto, gli abitanti del villaggio, gli amministratori del tempio si erano uniti per cacciarci fuori dai locali del tempio proprio quando eravamo appena entrati. Nonostante l'ordine dell'alta corte che sottolineava che le donne avevano il diritto fondamentale di pregare, non ci era nemmeno permesso di pregare dimenticare di averci permesso di offrire il culto nell'area del santuario centrale del tempio, brontolò Desai.

Poteva succedere di tutto... Siamo fortunati ad essere vivi oggi. Il modo in cui gli abitanti del villaggio ci attaccavano, pensavamo che ci avrebbero linciati... Il modo in cui ci attaccavano ha mostrato il loro intento. Ci graffiavano con le unghie, le tiravano le mani e usavano il linguaggio più sporco contro di noi. Uno di loro impugnava un coltello, alcuni di loro impugnavano un forte lathis. Anche gli uomini ci attaccarono in stato di stupore. Se parlano di proteggere la santità del tempio tenendo lontane le donne mestruate, come giustificano gli uomini che vengono ubriachi e le donne che usano un linguaggio osceno? aveva affermato. L'accusa di Desai è stata negata con veemenza dagli abitanti del villaggio e dal Sarpanch di Shingnapur.

Desai ha detto che non si aspettava che le cose andassero in questo modo, soprattutto alla luce delle parole forti usate dall'Alta Corte nella sua sentenza e dal governo che ha messo per iscritto di non credere nella discriminazione di genere. Ma ci siamo chiesti se questo governo ha o meno rispetto per la legge del paese... Gli interessa quello che dice l'Alta Corte? La Costituzione del paese, che dà uguali diritti a uomini e donne, significa qualcosa per il governo dello stato? ha chiesto Desai, descrivendo il 2 aprile come il giorno nero in cui è stata assassinata la Costituzione del paese che sostiene l'uguaglianza degli uomini.

Oggi, dopo aver rotto la tradizione di 400 anni, Desai ha detto di essere rimasta ferita dal commento del primo ministro Devendra Fadnavis. Il CM aveva detto che lo stavamo facendo per pubblicità... Siamo rimasti davvero feriti dal suo commento. E oggi non abbiamo avuto sue notizie finora..., ha detto.

La direzione del tempio di Shingnapur ha sempre sostenuto che sia gli uomini che le donne sono esclusi dal sancta sanctorum. Allora dov'è la questione di permettere alle donne dove gli uomini non sono ammessi? disse il sarpanch del villaggio Balasaheb Bankar. Non si tratta di purezza o impurità delle donne. In realtà, la piattaforma su cui è stato installato l'idolo di Shani non ha quasi nessuno spazio su cui appoggiare i piedi. Sul piccolo spazio, le persone offrono fiori, ghirlande e olio. Il posto in sé è scivoloso. Come si può mettere i piedi lì... Permettiamo solo a un sacerdote maschio di entrare nell'area del santuario centrale, ha detto.

Ma durante il Gudi Padwa Day, Bankar si è chiusa e ha permesso alle attiviste di fare la loro giornata. Desai aveva sostenuto che quando il tempio permetteva a un sacerdote maschio di entrare nel sanctum sanctum, perché non assumevano i servizi di un sacerdote donna?

In realtà, a causa del loro pensiero regressivo che le donne siano impure, tengono le donne fuori dal tempio, ha detto Desai.

Venerdì, il Devasthan Trust ha ceduto solo dopo che alcuni abitanti del villaggio sono entrati nel sancta sanctorum come parte del bagno rituale della divinità, che viene eseguito tre volte in un anno. Poiché l'Alta Corte di Bombay ha affermato che se gli uomini sono ammessi, anche le donne dovrebbero essere ammesse nel sancta sanctorum, abbiamo quindi deciso di aprire le porte a tutti i devoti. Desai ha detto che la fiducia non aveva altra scelta.

La paura di un'azione dell'Alta Corte li ha fatti allineare. Desai, che dirige la Brigata Bhumata e la Brigata Bhumata Rangini nella sua veste di presidente-fondatrice, ha ora lanciato un appello a rompere le tradizioni e le credenze anti-donne e antiquate in tutti i luoghi di culto in tutto il paese. Yeh Jung Jaari Rahengi... combatteremo finché il nostro diritto costituzionale di pregare non sarà onorato in tutti i templi del Maharashtra e in tutto lo stato. La Brigata Bhumata ha 21 filiali in tutto lo stato con 4000 membri.

Desai, che è già diventata il volto del movimento delle donne per il diritto di pregare nel Maharashtra, ha in programma di portare il suo movimento a livello nazionale. Oggi è Shani Shingnapur, il 13 aprile sarà il tempio di Mahalaxmi a Kolhapur e poi a maggio sarà il tempio di Sabrimala. Ovunque venga praticata la discriminazione di genere, le donne di questo paese faranno valere il loro diritto di pregare. Incontreremo anche il primo ministro Narendra Modi e faremo pressione per una legge che garantisca il nostro diritto fondamentale di pregare nel sancta sanctorums, ha affermato.


patrimonio netto di cliff branch

Salutando le attiviste, Hamid Dabholkar, figlio del dottor Narendra Dabholkar, il razionalista ucciso, ha detto: 'È stato il dottor Dabholkar a dare inizio al movimento nel 1998. Insieme al dottor Shriram Lagoo, Baba Adhav e altri sono stati arrestati dopo che avevano iniziato una marcia da diverse parti dello stato. Nel 2001, anche mio padre aveva depositato un PIL presso l'Alta Corte che è rimasto in sospeso fino ad oggi.

Hamid ha affermato: “Lo sviluppo di oggi è una giustizia per i pensieri e gli ideali per i quali il dottor Narendra Dabholkar ha sostenuto.