Cassa di guerra dei talebani: come la droga ha finanziato la guerra ventennale dei talebani con gli Stati Uniti - Gennaio 2022

Dove hanno trovato i fondi per i talebani per sostenersi in una guerra di due decenni con gli Stati Uniti? Con gli americani spariti e l'opposizione afgana al collasso, quali mezzi militari hanno i talebani?

I soldati dell'esercito americano camminano in un campo di papaveri vicino al villaggio di Zangabad nel 2009. La principale fonte di finanziamento dei talebani è stato il traffico di droga, tra cui eroina e metanfetamina, oltre all'oppio. (The New York Times: Lynsey Addario)

Inritorno al potere a Kabuldurante il fine settimana, i talebani hanno dimostrato sia il successo di una fulminea offensiva militare contro l'allora governo dell'Afghanistan, sia la loro notevole capacità di recupero di fronte agli assalti dei militari più potenti del mondo per 20 anni.

Quando sono stati cacciati da Kabul nel novembre 2001, i talebani erano al potere da poco più di cinque anni e ne esistevano solo da sette. Cosa li rende la forza combattente che è sopravvissuta agli Stati Uniti nella sua guerra più lunga di sempre e ha sconfitto gli afgani che hanno ricevuto attrezzature e addestramento per un valore di oltre 80 miliardi di dollari dagli americani? Dove hanno trovato i talebani i fondi per mantenersi in una guerra di due decenni con un avversario con risorse quasi illimitate?



Fiorente commercio di droga



In un rapporto del maggio 2020, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha stimato che le entrate complessive annuali dei talebani vanno da 300 milioni di dollari a oltre 1,5 miliardi di dollari all'anno. Ha affermato che mentre le cifre per il 2019 erano inferiori, i funzionari sono stati attenti a notare che i talebani hanno utilizzato le risorse in modo efficace ed efficiente e non stavano vivendo una crisi di liquidità.

La fonte primaria dei fondi dei talebani è stato il traffico di droga, come hanno dimostrato rapporti dopo rapporti nel corso di due decenni. Il loro reddito ha sofferto negli ultimi anni a causa della riduzione della coltivazione e delle entrate del papavero, del minor reddito imponibile da aiuti e progetti di sviluppo e dell'aumento della spesa per progetti di governance, afferma il rapporto dell'UNSC.



Tuttavia, mentre la coltivazione e la produzione di eroina hanno fornito la maggior parte delle entrate dei talebani per molti anni, l'emergere della metanfetamina in Afghanistan sta dando impulso a una nuova importante industria della droga con margini di profitto significativi, osserva il rapporto.

Secondo il rapporto, l'interdizione della metanfetamina è stata registrata per la prima volta dall'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) nel 2014 (9 kg) e ha continuato su una netta traiettoria ascendente, con 650 kg interdetti nella prima metà del 2019. Metanfetamina , afferma il rapporto, è stato dichiarato più redditizio dell'eroina perché i suoi ingredienti sono a basso costo e non richiede grandi laboratori.

I talebani, ha affermato, avrebbero il controllo del 60 per cento dei laboratori di metanfetamina nelle principali province produttrici di Farah e Nimruz.



Il rapporto citava funzionari secondo cui il sistema di contrabbando di eroina e tassazione organizzato dai talebani... si estendeva in otto dei distretti meridionali di Nangarhar da Hisarak a Dur Baba, al confine con il Pakistan.

Anche in Spiegato| Chi sono i nuovi governanti dell'Afghanistan?

In ogni distretto, i contrabbandieri hanno pagato ai comandanti talebani distrettuali una tassa di 200 rupie pakistane (circa 1,30 dollari), o l'equivalente in afghani, per chilogrammo di eroina. Ai trafficanti è stata fornita la documentazione da ciascun comandante talebano che certificava il pagamento delle tasse prima di procedere al distretto successivo e ripetere lo stesso processo. Funzionari afgani hanno affermato che le rotte del contrabbando hanno quindi contribuito a rafforzare finanziariamente ogni comandante talebano distrettuale.

In un rapporto pubblicato l'anno scorso, l'UNODC ha affermato che l'Afghanistan, il paese in cui viene prodotto la maggior parte dell'oppio, che ha rappresentato circa l'84 per cento della produzione mondiale di oppio negli ultimi cinque anni, rifornisce i mercati dei paesi vicini, Europa, Vicino e Medio Oriente. , Asia meridionale e Africa e in piccola parte Nord America (in particolare Canada) e Oceania.



Miniere, tasse, donazioni

Nel settembre 2020, Radio Free Europe ha riferito di un rapporto confidenziale commissionato dalla NATO, in cui si concludeva che i talebani hanno raggiunto, o sono vicini a raggiungere, l'indipendenza finanziaria e militare, che gli consente di autofinanziare la propria insurrezione senza la necessità di sostegno da parte di governi o cittadini di altri paesi.



Oltre al traffico illecito di droga – supervisionato dal Mullah Muhammad Yaqoob, figlio del fondatore talebano Mullah Muhammad Omar, una figura oscura che dovrebbe svolgere un ruolo importante nel nuovo governo – i talebani hanno ampliato il proprio potere finanziario negli ultimi anni attraverso l'aumento dei profitti da miniere ed esportazioni illegali, afferma il rapporto.

Si stima che il movimento militante abbia guadagnato l'incredibile cifra di 1,6 miliardi di dollari nell'anno conclusosi a marzo 2020. Di questi, 416 milioni di dollari provenivano dal traffico di droga; oltre 450 milioni di dollari dall'estrazione illegale di minerale di ferro, marmo, rame, oro, zinco e metalli delle terre rare; e 160 milioni di dollari da estorsioni e tasse nelle aree e sulle autostrade che controllava. Ha anche ricevuto $ 240 milioni in donazioni, in gran parte dalle nazioni del Golfo Persico. Per riciclare il denaro guadagnato, ha importato ed esportato beni di consumo per un valore di 240 milioni di dollari. I talebani possiedono anche proprietà del valore di 80 milioni di dollari in Afghanistan e Pakistan, afferma il rapporto.

Leggi anche| L'acquisizione dei talebani solleva interrogativi sul futuro dei gruppi etnici, in particolare delle minoranze

Armi da Pak e bottino

I talebani non sembrano aver avuto alcuna carenza di armi per combattere le forze afghane e statunitensi. Sostegno dal Pakistan è sempre stato fondamentale, ma i talebani non si affidavano a nessuna singola fonte di armi e munizioni.


valore netto di jack elam

Giornalisti come Gretchen Peters, Steve Coll e altri hanno ripetutamente sottolineato il sostegno dell'ISI e dell'esercito pakistano ai talebani, direttamente e attraverso la rete Haqqani, una vasta mafia islamista con sede nelle aree tribali del Pakistan e in Afghanistan, che comprende combattenti, scuole religiose estremiste e affari loschi con potenti collegamenti con i paesi arabi del Golfo e in Pakistan. Leader e generali americani hanno apertamente accusato il Pakistan di aver deviato verso i talebani i fondi che ha ricevuto per combattere il movimento fondamentalista.

Ci sono anche altri giocatori. Nel settembre 2017, l'allora capo dell'esercito afghano Sharif Yaftali ha dichiarato alla BBC di avere documenti per dimostrare che l'Iran stava fornendo armi e equipaggiamento militare ai talebani nell'Afghanistan occidentale.

Un rapporto del novembre 2019 dell'Agenzia di intelligence della difesa degli Stati Uniti ha rilevato che almeno dal 2007 l'Iran ha fornito un supporto calibrato, tra cui armi, addestramento e finanziamenti, ai talebani per contrastare l'influenza degli Stati Uniti e dell'Occidente in Afghanistan, combattere l'ISIS-Khorasan e aumentare L'influenza di Teheran in qualsiasi governo post-riconciliazione.

Gli Stati Uniti hanno anche accusato la Russia di sostenere i talebani, ma ci sono poche prove a riguardo.

Al di là di queste vie esterne, i talebani sono stati anche in grado di armarsi con le armi e le munizioni che gli Stati Uniti hanno fornito alle forze afghane nel corso degli anni.

L'ispettore generale americano per la ricostruzione dell'Afghanistan (SIGAR), un cane da guardia sostenuto dal Congresso, ha osservato in un'analisi del 2013 che quasi il 43% delle armi da fuoco - 2.03.888 delle 4.74.823 - fornite alle forze afgane non erano state contabilizzate. Data la limitata capacità del governo afghano di rendere conto o di disporre adeguatamente di queste armi, esiste un reale potenziale che queste armi cadano nelle mani degli insorti, il che comporterà ulteriori rischi per il personale statunitense, l'ANSF e i civili afgani, l'analisi disse.

Combattenti talebani pattugliano nel quartiere Wazir Akbar Khan nella città di Kabul, Afghanistan, mercoledì 18 agosto 2021. (Foto AP)

Risorse militari statunitensi con i talebani

Non sono disponibili dati su che tipo di risorse militari americane, e in quale numero, siano cadute nelle mani dei talebani.

L'Ufficio per la responsabilità del governo degli Stati Uniti ha affermato in un rapporto del 2017 che tra il 2003 e il 2016 gli Stati Uniti hanno finanziato 75.898 veicoli, 5.99.690 armi, 208 aerei e 16.191 pezzi di intelligence, sorveglianza e equipaggiamento di ricognizione per le forze afghane.

Negli ultimi anni, 7.000 mitragliatrici, 4.700 Humvee e oltre 20.000 granate sono state date alle forze afgane, mostrano i dati SIGAR.

Il rapporto trimestrale di luglio di SIGAR menzionava che l'aeronautica afgana disponeva di un totale di 167 velivoli, inclusi jet ed elicotteri utilizzabili/nel paese al 30 giugno. Ciò includeva 23 aerei A-19, 10 aerei AC-208, 23 aerei C- 208 aerei e tre C-130, oltre a 32 Mi-17, 43 MD-530 e 33 elicotteri UH-60.

Il 17 agosto, due giorni dopo che i talebani hanno preso il controllo di Kabul, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha dichiarato: 'Non abbiamo un quadro completo, ovviamente, di dove sia andato a finire ogni articolo di materiale per la difesa, ma certamente, una discreta quantità di è caduta nelle mani dei talebani.

Stijn Mitzer e Joost Oliemans, analisti di conflitti specializzati in armi moderne e tattiche militari che hanno lavorato per siti Web come Janes, Bellingcat e NK News, hanno utilizzato l'intelligence open source per tracciare l'attrezzatura che è risultata caduta nelle mani dei talebani .

Secondo loro, i talebani ora possiedono due jet da guerra, 24 elicotteri e sette veicoli senza pilota Boeing Insitu ScanEagle che prima erano con le forze afgane. Inoltre, secondo loro, tra giugno e 14 agosto i talebani hanno catturato 12 carri armati, 51 veicoli corazzati da combattimento, 61 artiglieria e mortaio, otto cannoni antiaerei e 1.980 camion, jeep e veicoli, tra cui oltre 700 Humvee.

Tutto questo – oltre al fatto che le forze dell'ex governo afghano si sono arrese ovunque nel paese e la vecchia opposizione dell'Alleanza del Nord è un'ombra di se stessa – rende i talebani più potenti di quanto non siano mai stati. Ora è molto più potente militarmente, ha detto Jonathan Schroden, un analista delle operazioni militari che dirige il Countering Threats and Challenges Program presso la CNA Corporation, un'organizzazione di ricerca e analisi senza scopo di lucro e apartitica con sede ad Arlington, in Virginia.questo sito web. Li converte efficacemente da un movimento di guerriglia leggermente armato a un esercito pseudo-convenzionale.


arianne zucker età

Secondo il dottor Schroden, tra l'equipaggiamento militare che i talebani hanno ora, gli obici D-30 sono probabilmente i più letali. È preoccupante sia come spreco di denaro dei contribuenti statunitensi sia come potenziale fonte di armi per la miriade di gruppi terroristici che hanno legami con i talebani, ha affermato.

E c'è una possibilità diversa da zero che gruppi come al-Qaeda o i talebani pakistani mettano le mani su alcune delle armi.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta