Spiegato: chi sono i nuovi governanti dell'Afghanistan? - Potrebbe 2022

La vittoria militare è loro, i talebani ora cercheranno di costruire un governo - e qui, i negoziati e l'accordo potrebbero avere un ruolo più importante da svolgere. Chi sono gli uomini da tenere d'occhio nelle prossime settimane?

Haibatullah Akhundzada e Abdul Ghani Baradar dei talebani.

Dopo essere saliti al potere senza sforzo, i talebani affrontano la dura lotta della politica del dare e avere, e sembrano essere in trattative per soddisfare diversi interessi all'interno delle fazioni e tribù, e nell'ecosistema che li ha aiutati e sostenuti: l'establishment della sicurezza del Pakistan è un parte principale di questo - e persino i loro nemici.

Baradar, probabilmente nuovo capo



Seguendo i segnali emersi dai raduni di Kabul e Doha, dove i leader talebani di alto rango si sono accampati per quasi un decennio per i colloqui con gli Stati Uniti, il mullah Abdul Ghani Baradar, il numero due dell'organizzazione e responsabile della sua ala politica , rischia di guidare il nuovo governo.



È arrivato da Doha a Kandahar e ha partecipato alla prima conferenza stampa del nuovo regime all'inizio di questa settimana.

Il capo supremo, o Amir ul Momineen, MaulviHaibatullah Akhundzada, non possono partecipare direttamente al governo. Durante le discussioni di Doha si è parlato di un leader supremo in stile iraniano, e se quel posto viene creato nel nuovo assetto afghano, Akhundzada potrebbe essere la scelta probabile.



Il Mullah Baradar appartiene alla tribù Popalzai Pashtun ed è conosciuto come cofondatore dei talebani insieme al Mullah Muhammad Omar, il primo emiro. Si dice che Omar, della tribù Hotak, fosse estremamente vicino a Baradar, che significa fratello, soprannome che gli diede l'Amir. Baradar è stato designato ai sensi dell'UNSC 1272 nel 2001 e rimane nell'elenco.

Nel 2010, Baradar è stato arrestato dall'ISI poiché aveva iniziato a rispondere alle aperture per i colloqui di pace da parte dell'allora presidente Hamid Karzai, un collega di Popalzai. Karzai era tutt'altro che un uomo del Pakistan e durante i suoi anni in carica e fino a mesi fa, ha parlato apertamente del ruolo dell'esercito pachistano nel conflitto.


justin theroux age

Baradar ha trascorso otto anni in carcere ed è stato rilasciato solo quando l'amministrazione Trump ha avviato i colloqui con i talebani nel 2018. Ha guidato la squadra talebana di nove membri che ha negoziato con il rappresentante speciale degli Stati Uniti Zalmay Khalilzad: erano i due firmatari dell'accordo di Doha lo scorso anno, entro il quale gli Stati Uniti accettarono di ritirare le proprie truppe a condizione che i talebani non proteggessero al-Qaeda o ISIS e intraprendessero negoziati con altri afghani per arrivare a un accordo politico per porre fine alla guerra.



Non è chiaro se Baradar abbia ora fatto pace con il Pakistan, che ha tenuto in pugno i talebani durante i colloqui. Ma se diventa il capo del nuovo governo, è probabile che abbia una mentalità più indipendente di quanto vorrebbe l'establishment della sicurezza pakistano – l'esercito e l'ISI.

Un rampollo e due veterani

Il mullah Muhammad Yaqoob, il figlio di 31 anni del mullah Omar e capo operativo dell'ala militare dei talebani, sarebbe probabilmente una figura importante nella nuova dispensazione. Non si è dato molto da fare quando è stato scelto il leader dei talebani nel 2016; ora può rivendicare un posto nel nuovo assetto.



Yaqoob non era nella delegazione talebana per i colloqui con gli Stati Uniti, né per i colloqui intra-afghani. Ma faceva parte della Rehbari shura, il consiglio direttivo dei talebani noto anche come Quetta shura perché alcuni dei suoi membri risiedevano in quella città in Pakistan dopo che il precedente regime talebano era stato estromesso nel 2001.

Anche in Spiegato| Cosa potrebbe significare il ritorno dei talebani per le donne afghane AfghanistanI talebani hanno promesso di non vendicarsi degli afgani che hanno aiutato le forze straniere, ma molti non ci credono (Rahmat Gul/AP Photo/picture alliance)

Altri due nomi emersi nelle ultime settimane – anche nei rapporti, nettamente smentiti dal governo indiano, che rivendicavano un incontro con il ministro degli Esteri S Jaishankar – sono il Mullah Khairullah Khairkhwa e il Mullah Mohammad Fazl.



Entrambi gli uomini hanno 54 anni ed erano tra i cinque detenuti di Guantanamo Bay catturati nei mesi successivi alla cacciata dei talebani e rilasciati nel maggio 2014 in cambio del soldato americano Bowe Berghdal, catturato dalla rete Haqqani.

Anche Khairkhwa è Popalzai, ed è stato ministro degli interni nel precedente regime talebano; Fazl, che appartiene alla tribù dei Durrani, era viceministro della difesa.

da non perdere| Un esperto spiega: cosa significa Kabul a Delhi I talebani, allora e adesso

Haqqani pretendente

Non è chiaro se Sirajuddin Haqqani uscirà dall'ombra per diventare parte ufficiale della nuova dispensazione, ma rimarrà un fattore critico nel determinarne le decisioni e le azioni. Ha ereditato la guida della rete Haqqani da suo padre Jalaluddin, è stato designato terrorista ai sensi della risoluzione 1272 dell'UNSC dal 2007 e porta sulla testa una ricompensa statunitense di 5 milioni di dollari.

La rete Haqqani è un'entità militante alleata dei talebani ma è distinta da essi ed è più vicina di tutti i gruppi all'interno dei talebani all'ISI pachistano. Ha trovato rifugio permanente nel nord Waziristan del Pakistan e ha forti legami con al-Qaeda.

Anche in Spiegato| Uno sguardo alla lunga relazione del Pakistan con i talebani Combattenti talebani pattugliano nel quartiere Wazir Akbar Khan nella città di Kabul, Afghanistan, mercoledì 18 agosto 2021. (Foto AP)

Altri nel mix

Due membri dei talebani hanno avuto un alto profilo durante i colloqui di Doha: Sher Mohammad Abbas Stanikzai, che gestiva l'ufficio politico dei talebani a Doha dal 2012, e Zabiullah Mujahid, il noto portavoce capo che per primo ha rivelato il suo volto solo martedì a Kabul.

Poi c'è il fratello più giovane di Haqqani, Anas, che è stato il volto pubblico della rete Haqqani. Mercoledì ha guidato una delegazione talebana in un incontro con l'ex presidente Karzai e membri del deposto governo Ashraf Ghani per quelli che sembravano essere negoziati sulla formazione del governo. Erano presenti anche Abdullah Abdullah, che ha guidato l'Alto Consiglio per la pace nel precedente governo, e l'ex leader dei mujaheddin Gulbuddin Hekmatyar.

Donne afghane, Afghanistan, acquisizione dei talebaniLe donne afghane sfollate dalle province settentrionali, fuggite dalla loro casa a causa dei combattimenti tra talebani e personale di sicurezza afghano, ricevono cure mediche in un parco pubblico a Kabul, in Afghanistan, martedì 10 agosto 2021. Il gruppo estremista che una volta lapidava le donne e ha limitato ogni loro mossa ora è tornato al potere. (Foto AP/Rahmat Gul)

Se accolti - non è chiaro quali ruoli potrebbero cercare - Karzai e Abdullah sarebbero utili ai talebani per costruire ponti con le nazioni occidentali. L'anziano Hekmatyar potrebbe guardare al vecchio amico Pakistan per un posto nell'autobus.

Una possibile presenza Hazara

Il coinvolgimento dell'Iran nei confronti dei talebani negli ultimi mesi, e il suo sostegno nascosto alla lotta dei talebani contro gli Stati Uniti, potrebbe significare che la nuova dispensazione potrebbe avere una rappresentanza degli Hazara, che sono sciiti.

Un grosso contingente dell'ex Alleanza del Nord pro-India, composto principalmente da tagiki e hazara, è volato a Islamabad il giorno della caduta di Kabul, segno che vogliono essere partner del nuovo governo. Due uomini da tenere d'occhio in questa delegazione sono Mohammed Mohaqiq, di etnia hazara ed ex mujahid di Mazar-e-Sharif, e Mohammed Karim Khalili, anche lui hazara ed ex vicepresidente durante la presidenza Karzai.

Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta