Compensazione Per Il Segno Zodiacale
Personale C Celebrità

Scopri La Compatibilità Con Il Segno Zodiacale

Spiegato: cosa indica la nomina di Lina Khan per la politica antitrust negli Stati Uniti, altrove?

Lina Khan, 32 anni, scelta dal presidente Joe Biden per guidare il regolatore della concorrenza degli Stati Uniti, ha scritto una critica seminale delle pratiche commerciali di Amazon quattro anni fa ed è uno dei critici più importanti d'America del potere della Big Tech. Cosa indica la sua nomina per la politica antitrust negli Stati Uniti e altrove?

Lina Khan alla Southern Methodist University, Dallas nel giugno 2018. (The New York Times: Brandon Thibodeaux)

La conferma del Senato della critica di Big Tech e dell'accademica antitrust Lina Khan come commissario della Federal Trade Commission (FTC) arriva martedì in mezzo a un crescente consenso bipartisan a Capitol Hill sulla necessità di tenere a freno le major tecnologiche americane.





Ore dopo la conferma, il presidente Joe Biden ha eletto il professore della Columbia Law School a presidente dell'agenzia che ha il mandato legale di proteggere i consumatori e promuovere la concorrenza controllando le pratiche commerciali anticoncorrenziali, ingannevoli e sleali negli Stati Uniti.

Nel processo, ha inviato due messaggi chiari: che l'industria tecnologica non dovrebbe aspettarsi una continuazione del rapporto cordiale che ha avuto con la Casa Bianca di Barack Obama; e che queste società potrebbero dover affrontare un serio controllo normativo nei prossimi mesi.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

A marzo, a meno di due mesi dall'inizio della sua amministrazione, Biden aveva nominato Tim Wu, collega di Khan alla Columbia e un esplicito critico della Big Tech, come assistente speciale del presidente per la tecnologia e la politica della concorrenza.



Chi è Lina Khan?

Khan è un'accademica pachistana-americana che era professore associato di diritto alla Columbia prima della sua nomina alla FTC. Ha insegnato e scritto in materia di diritto antitrust, diritto delle industrie delle infrastrutture e tradizione antimonopolio. Prima di entrare in Columbia, ha prestato servizio come consulente presso il sottocomitato del Comitato giudiziario della Camera degli Stati Uniti per il diritto antitrust, commerciale e amministrativo, dove ha guidato l'indagine congressuale sui mercati digitali e ha partecipato alla pubblicazione del rapporto finale sull'antitrust della Camera pubblicato lo scorso anno.


denise boutte net worth



Il rapporto ha rilevato che Apple, Facebook, Google e Amazon hanno adottato comportamenti anticoncorrenziali e ha suggerito che il Congresso doveva approvare una nuova legislazione antitrust per frenare questa tendenza.

Ma è stato un documento accademico che Khan ha scritto nel 2017 che l'ha catapultata alla ribalta nei circoli normativi.



Di cosa parlava il giornale?

Intitolato 'Amazon's Antitrust Paradox', il documento di gennaio 2017 di Khan è stato un esame critico del duplice ruolo della piattaforma di vendita online: oltre ad essere un rivenditore, Amazon si era progressivamente trasformata in una piattaforma di marketing, una rete di consegna e logistica, un servizio di pagamento, un credito prestatore, una casa d'aste, un importante editore di libri, un produttore di televisione e film, uno stilista, un produttore di hardware e un host leader di spazio server cloud.



Il documento sosteneva che le attuali leggi antitrust non erano in grado di affrontare il danno causato dalle piattaforme dominanti, con Amazon al centro.

Khan ha affermato che l'attuale quadro dell'antitrust - in particolare la sua concorrenza ancorata al 'benessere dei consumatori', definito come effetti sui prezzi a breve termine - non è attrezzato per catturare l'architettura del potere di mercato nell'economia moderna e che non è riuscito a prevedere i potenziali danni a concorrenza rappresentata dal dominio di Amazon se misuriamo la concorrenza principalmente attraverso il prezzo e la produzione. Questo doppio ruolo consente inoltre a una piattaforma di sfruttare le informazioni raccolte sulle aziende che utilizzano i suoi servizi per indebolirle come concorrenti.




rohan oza age

Khan ha proposto due potenziali regimi per affrontare il tipo di potere esercitato da Amazon: ripristinare i tradizionali principi della politica antitrust e della concorrenza o applicare obblighi e doveri comuni dei vettori.

Anche in Spiegato| Cosa significa la perdita di un porto sicuro per Twitter

Perché l'appuntamento di Khan è importante?

A 32 anni, Khan è la persona più giovane che si sia mai unita e sia a capo della FTC. Mentre ci sono stati mormorii di disapprovazione da parte dei repubblicani al momento della sua nomina - il senatore Mike Lee dello Utah ha affermato che la posizione di Khan sulle misure antitrust era selvaggiamente in contrasto con un approccio prudente alla legge - è stata confermata da un voto di 69-28, con un certo numero di repubblicani che votano con i democratici in un'approvazione bipartisan delle sue opinioni.

Quando si tratta di autorità di regolamentazione che si oppongono alla Big Tech, l'unico nome che viene in mente è Margrethe Vestager, Executive VP della Commissione europea. La nomina di Khan è arrivata in un momento in cui Vestager è gravato dell'onere aggiuntivo di fornire una direzione strategica alla priorità politica 'L'Europa pronta per l'era digitale', un ruolo che implica la responsabilità di promuovere gli attori digitali pur continuando come Commissario per la concorrenza. Khan avrà un mandato più chiaro e meno conflitti di interesse nel suo ruolo.

Khan si unisce alla FTC proprio mentre il Congresso sta per discutere la riforma dell'antitrust. Ma alcune cose hanno bisogno di chiarezza andando avanti. Ad esempio, Biden deve ancora nominare un capo della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, un organismo che condivide l'applicazione dell'antitrust con la FTC. È probabile che ci possa essere un controbilanciamento di interessi in nomine come questa.

Mentre quello di Khan sarà solo un voto nella FTC di cinque membri, la sua conferma dà il controllo della maggioranza ai democratici mentre si unisce alla presidente ad interim Rebecca Kelly Slaughter e Rohit Chopra, che hanno entrambi promosso un'agenda antitrust contraddittoria.

L'altro incaricato di Biden, Wu, ha coniato il termine neutralità della rete e ha scritto un libro intitolato The Curse of Bigness: Antitrust in the New Gilded Age (2018), in cui ha segnalato i pericoli dell'espansione della Big Tech e le potenziali conseguenze di troppo potere nelle mani di un piccolo numero di aziende. L'estrema concentrazione economica produce gravi disuguaglianze e sofferenze materiali, alimentando l'appetito per una leadership nazionalista ed estremista, ha detto Wu nel suo libro. Più visibile nella nostra vita quotidiana è il grande potere delle piattaforme tecnologiche, in particolare Google, Facebook e Amazon.

Sia Khan che Wu sostengono un approccio alle leggi antitrust che guarda oltre l'impatto del dominio del mercato delle grandi aziende in termini di soli prezzi al consumo, e ne esamina invece gli effetti più diffusi su industrie, lavoratori e comunità.

Quali sono i segnali per l'India?

Sotto la pressione delle lobby nazionali per contrastare società come Amazon e Flipkart, il governo aveva introdotto regole un paio di anni fa volte a impedire alle piattaforme di e-commerce di vendere beni di loro proprietà sulle proprie piattaforme.

Khan aveva approvato l'ampio principio alla base di questa mossa - il 19 gennaio 2019, aveva pubblicato su Twitter: l'idea (dietro le nuove regole del governo indiano) è che puoi gestire il mercato o vendere le tue merci sul mercato, ma non entrambi. La regola risponde a un problema che i commercianti che vendono su Amazon devono affrontare abitualmente: Amazon individuerà i loro prodotti più venduti e poi produrrà una versione con marchio Amazon, retrocendoli negli elenchi di ricerca e mangiando le loro vendite...

Khan diventa presidente della FTC in un momento in cui New Delhi sta cercando un supporto più ampio nella sua battaglia contro le piattaforme di social media su questioni normative come la segnalazione di disinformazione e l'accesso selettivo ai messaggi crittografati.


valore lordo di tiger woods

Con la notifica alla fine di febbraio delle Regole sulla tecnologia dell'informazione (Linee guida per gli intermediari e il codice etico dei media digitali), 2021, il governo si è preparato a una sorta di respingimento da parte degli Stati Uniti mentre indurisce la sua posizione contro la Big Tech. Per contro, New Delhi ha cercato di ottenere il sostegno del più grande blocco anti-Big Tech, l'Unione Europea — Vestager è stata invitata ad aprile a parlare al Raisina Dialogue, la prestigiosa conferenza multilaterale co-ospitata dal Ministero degli Esteri Affari.

Questo articolo è apparso per la prima volta nell'edizione cartacea il 17 giugno 2021 con il titolo 'Heat on Big Tech'.

Condividi Con I Tuoi Amici: