Spiegato: perché un altro cartone animato di Charlie Hebdo sta alimentando le tensioni tra Turchia e Francia? - Ottobre 2022

Il turco Erdogan ha chiesto il boicottaggio delle merci francesi e ha messo in dubbio la sanità mentale di Emmanuel Macron, dopo che quest'ultimo ha dichiarato che 'l'Islam è una religione che oggi è in crisi in tutto il mondo'.

Vignetta di Charlie hebdo su Erdogan, relazioni Turchia Francia, Macron Charlie Hebdo, commenti Macron Islam, Erdogan su Francia, Indian ExpressIl presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il presidente francese Emmanuel Macron a Berlino, Germania, nel gennaio 2020. (Foto AP: Michael Sohn)

La recente edizione della rivista satirica francese Charlie Hebdo, che presentava un controversa caricatura del presidente turco Recep Tayyip Erdogan , ha alimentato le violente tensioni tra Francia e Turchia.



Poco dopo la pubblicazione della vignetta, l'ufficio di Erdogan ha promesso di intraprendere azioni legali e diplomatiche contro la rivista francese. Mentre il presidente turco ha affermato di non aver ancora visto la disgustosa vignetta, ha condannato la rivista per quello che ha definito un grave insulto al mio Profeta.

La spaccatura tra i due alleati della NATO si è ampliata questo mese, con Erdogan che chiede un boicottaggio delle merci francesi e mettere in discussione la sanità mentale del presidente francese Emmanuel Macron dopo che quest'ultimo ha dichiarato che l'Islam è una religione oggi in crisi in tutto il mondo.






chris zylka età

I cartoni di Charlie Hebdo: Storia sanguinosa

Il fumetto di Erdogan sulla copertina dell'ultima edizione di Charlie Hebdo presenta anche un fumetto sopra la testa del personaggio che recita, Ooh, il profeta!

Erdogan ha respinto la vignetta come un attacco disgustoso. Non ho bisogno di dire nulla a quei farabutti che insultano il mio amato profeta su tale scala, disse. La mia tristezza e rabbia non è a causa di questo disgustoso attacco contro di me, ma perché gli stessi media sono la fonte dell'impudenza contro il nostro amato Profeta che teniamo così tanto.



Charlie Hebdo ha precedentemente scatenato una rabbia diffusa in tutto il mondo musulmano pubblicando e successivamente ripubblicando una serie di controverse caricature raffiguranti il ​​profeta Maometto. Le vignette hanno provocato un mortale attacco terroristico negli uffici della rivista a Parigi nel 2015, che ha lasciato una profonda cicatrice in Francia e ha acceso dibattiti globali sulla libertà di parola, la blasfemia e la religione.

Il portavoce di Erdogan ha affermato che le recenti vignette sono l'ultimo esempio dell'agenda anti-musulmana del presidente francese Macron. La procura di Stato ha aperto un'inchiesta sulla dirigenza della rivista. Secondo la legge turca, insultare il presidente può comportare una pena detentiva.



Anche in Spiegato | Francia, Emmanuel Macron e l'Islam

Vignetta di Charlie hebdo su Erdogan, relazioni Turchia Francia, Macron Charlie Hebdo, commenti Macron Islam, Erdogan su Francia, Indian ExpressUna fotografia di Macron, stampata con un segno di scarpa, durante una protesta a Istanbul, domenica 25 ottobre 2020. (Foto AP: Emrah Gurel)

Perché la caricatura è stata pubblicata in primo luogo?

La vignetta è stata pubblicata giorni dopo che Erdogan ha chiesto il boicottaggio dei prodotti francesi, sulla scia dell'annuncio da parte della Francia di una posizione più dura sull'Islam radicale.




zoe leigh cooksey

L'ultimo litigio diplomatico segue il decapitazione di una maestra di 47 anni chiamato Samuel Paty a Parigi la scorsa settimana, giorni dopo aver mostrato le controverse caricature del profeta Maometto ai suoi studenti durante una lezione sulla libertà di parola.

Macron ha risposto all'attacco, compiuto da un rifugiato ceceno di 18 anni, lanciando una campagna che mirava a costruire una versione francese dell'Islam.



Durante il suo elogio funebre al funerale di Paty, Macron ha affermato che il Paese non potrà mai rinunciare alle sue libertà o alle sue vignette e continuerà a lottare per la libertà. Continueremo, professore. Difenderemo la libertà che avete insegnato così bene e promuoveremo la laicità, non rinunceremo alle caricature, ai disegni, anche se gli altri si tirano indietro, ha detto.

Anche prima che Paty venisse ucciso, Macron ha difeso il diritto di fare una caricatura del profeta Maometto. A settembre ha descritto l'Islam come una religione in crisi e ha annunciato che avrebbe presentato un disegno di legge per rafforzare una legge che separa chiesa e stato in Francia.



I commenti di Macron hanno suscitato un diffuso indignazione in molti paesi islamici, con Turchia e Pakistan in prima linea nel criticare il presidente francese per aver incoraggiato l'islamofobia. Gli hashtag #BoycottFrenchProducts, #Islam e #NeverTheProphet in arabo hanno iniziato a fare tendenza sui social media man mano che il supporto arrivava da tutto il mondo musulmano. Express Explained è ora su Telegram


Shannon Leto Age

Come ha reagito Erdogan ai commenti di Macron?

I leader di Francia e Turchia si sono confrontati su una serie di questioni negli ultimi anni, tra cui la Libia, il disputa Nagorno-Karabakh e diritti di trivellazione nel Mediterraneo orientale.

Dopo che Macron ha annunciato di voler riformare l'Islam per renderlo più compatibile con i valori repubblicani francesi, Erdogan ha dichiarato che la sua controparte francese aveva bisogno di cure mentali.

Qual è il problema di Macron con l'Islam? Qual è il suo problema con i musulmani? Egli ha detto. Macron ha bisogno di una sorta di trattamento mentale. Che altro dire di un capo di Stato che non crede nella libertà di religione e si comporta in questo modo contro i milioni di persone di fedi diverse che vivono nel suo stesso Paese?

La Francia ha risposto ai commenti di Erdogan richiamando il suo ambasciatore in Turchia per consultazioni. Il governo francese ha condannato l'eccesso e la maleducazione del presidente turco e ha detto: Non accettiamo insulti.

Questa settimana, Erdogan ha aderito alle crescenti richieste di boicottaggio dei prodotti francesi. I politici europei dovrebbero dire 'basta' alla campagna di odio guidata dal presidente francese Macron, ha affermato.