Spiegato: il complesso rapporto della Francia con l'Islam e le recenti osservazioni di Macron - Giugno 2022

Il presidente francese è sotto attacco da parte di leader e cittadini di paesi musulmani in seguito ai commenti che ha fatto su islam e laicità. Uno sguardo al complesso rapporto della Francia con l'Islam.

In poche parole: Francia, Macron e IslamIl presidente francese Emmanuel Macron. (Foto d'archivio)

Le osservazioni del presidente francese Emmanuel Macron sull'Islam hanno messo la Francia contro diversi paesi del mondo islamico. Uno sguardo a quello che ha detto e perché:

Perché molti paesi del mondo musulmano sono arrabbiati con la Francia?

La Francia ha un lungo e complesso rapporto con l'Islam ei suoi 5 milioni di cittadini musulmani (poco meno del 9% della sua popolazione).



Il 16 ottobre, quando un rifugiato ceceno di 18 anni in Franciadecapitato insegnante Samuel Paty, 47, giorni dopo aver mostrato le caricature del profeta Maometto ai suoi studenti, il presidente Macron ha detto: Continueremo… Difenderemo la libertà che hai insegnato così bene e porteremo il secolarismo. Ha detto che la Francia non rinuncerebbe a cartoni animati, disegni, anche se altri si tirassero indietro.



Giorni prima dell'uccisione di Paty, Macron aveva tenuto un discorso controverso. Ha dichiarato che l'Islam è una religione oggi in crisi in tutto il mondo, afflitta da tentazioni radicali e dall'anelito a un jihad reinventato che è la distruzione dell'altro.


Dave Grohl House

Ha parlato di un separatismo islamista all'interno del Paese e della necessità di contrastarlo attraverso le regole e i valori della Repubblica, per costruire una versione francese dell'Islam, un Islam dei Lumi che integri meglio i cittadini musulmani francesi con lo stile di vita francese . Il secolarismo francese non era il problema, ha detto. Era il progetto consapevole, teorizzato, politico-religioso, che si concretizza in ripetute deviazioni dai valori della Repubblica, sfocia spesso nella costituzione di una controsocietà, e le cui manifestazioni sono l'abbandono scolastico dei bambini, lo sviluppo dell'attività sportiva e pratiche comunitarie culturali pretesto per insegnare principi non conformi alle leggi della Repubblica. È indottrinamento attraverso la negazione dei nostri principi, uguaglianza tra donne e uomini, dignità umana.



Macron lo ha definito un tentativo di creare un ordine parallelo, di erigere altri valori, sviluppare un'altra organizzazione della società, inizialmente separatista, ma il cui obiettivo finale è prendere il controllo. Ed è questo che ci fa rifiutare la libertà di espressione, la libertà di coscienza, il diritto alla blasfemia.

Il discorso, e le dichiarazioni di Macron dopo l'uccisione di Paty, hannoha fatto infuriare molti paesi islamici, con la Turchia e il Pakistan in prima linea nella denuncia del presidente francese dell'islamofobia. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha litigi di vecchia data con Francia e Marcron – sulle riserve di gas al largo di Cipro, sul Nagarno Karabakh e sulle guerre in Libia e Siria – ha messo in dubbio la salute mentale di Macron dopo il discorso. Alcuni paesi islamici hanno dichiarato che boicotteranno le merci francesi. Clicca per seguire Express spiegato su Telegram

Ufficiali di polizia indagano sulla decapitazione di un insegnante a Parigi il 16 ottobre. (AP Photo/Michel Euler)

Qual è la definizione francese di secularism?

Le osservazioni di Macron hanno portato alla ribalta le difficoltà che la Francia ha dovuto affrontare nel conciliare il suo secolarismo interpretato rigorosamente con la crescente affermazione dell'identità religiosa da parte dei suoi cittadini musulmani, e come la Francia stessa è cambiata nel modo in cui vede l'Islam.



Il secolarismo francese, o laicite, non vede posto per la religione nella sfera pubblica. In questo modo, è l'opposto di come l'India ha praticato il suo secolarismo. Nel corso degli anni, la laicite si è confrontata con le pratiche religiose di molti gruppi di immigrati in Francia, compresi i sikh. Ma i più grandi scontri hanno avuto a che fare con i suoi cittadini musulmani, che formano il più grande gruppo di musulmani in Europa, davanti a quattro milioni di musulmani turchi in Germania. La maggior parte dei musulmani francesi di oggi sono nati in Francia, discendenti di immigrati di prima generazione provenienti da ex colonie francesi nel nord Africa. La costituzione francese esige che chi cerca la cittadinanza si impegni per l'integrazione. Ma questo si è rivelato sfuggente.

Macron ha riconosciuto nel suo discorso che ci sono state carenze nel modo in cui la Francia ha affrontato questa sfida. Ha riconosciuto che il paese non ha affrontato l'eredità della sua problematica guerra d'Algeria. Ha anche affermato che i governi francesi devono assumersi la colpa della ghettizzazione delle comunità musulmane in tutto il paese e della creazione delle condizioni per la radicalizzazione.

Solo poche migliaia possono essere islamisti radicalizzati, ma il rapporto travagliato della Francia con l'Islam si è manifestato in molti modi: nei disordini del 2005 nelle banlieus di Parigi, ghetti suburbani dove erano confinati gli immigrati; nel rifiuto, per laicite, di permettere alle donne musulmane di indossare l'hijab negli spazi pubblici; il divieto del burqa del 2010. Nel 2011, le vignette di Charlie Hebdo hanno scatenato reazioni rabbiose nel mondo islamico, ma i francesi hanno il diritto di bestemmiare come assoluta libertà individuale, a disposizione sia di coloro che vogliono insultare Gesù Cristo sia di coloro che bestemmeranno l'Islam. Questo è considerato lo stile di vita francese, che include anche la conoscenza della lingua e l'adesione alla laicite.



Leggi anche |Spiegato: cosa spiega gli appelli al 'boicottaggio della Francia' nel mondo musulmano?


qual è il patrimonio netto di nicole kidman

Il controverso discorso di Macron ben prima dell'uccisione di Paty; allora, cosa l'ha innescato?



Gli omicidi nell'ufficio di Charlie Hebdo nel gennaio 2015, apparentemente per vendicare la pubblicazione delle vignette del profeta Maometto, sono stati un punto di svolta per la Francia. Poi a novembre è arrivata una serie di attentati terroristici coordinati a Parigi e in un sobborgo che hanno scosso il mondo intero. Gli attacchi includevano attentati suicidi, sparatorie in uno stadio di calcio, sparatorie di massa in caffè e ristoranti e un'altra sparatoria di massa e presa di ostaggi in un teatro. In Europa, la Francia era il paese con il maggior numero di cittadini che erano partiti per unirsi all'ISIS in Iraq e Siria nel 2014-15.

Quindi, anche se c'è una vera base costituzionale per il posizionamento di Macron sull'Islam – come reso necessario dalla laicite – è anche una necessità politica. Nessun politico francese a questo punto crede di potersi permettere di ignorare l'impatto di questi eventi sulla vita nazionale francese.Il processo agli assassini di Charlie Hebdoè iniziata il mese scorso, cinque anni dopo l'attentato, e per molti l'uccisione di Paty è stata una continuazione dell'attacco terroristico contro Charlie Hebdo.

Macron, che descrive la sua politica come né di destra né di sinistra – è stato con il Partito Socialista fino al 2009 – andrà alle elezioni presidenziali all'inizio del 2022. L'ala destra Marine La Pen, che ha sconfitto alle elezioni del 2017, ha guidato la carica contro Macron per non aver represso abbastanza duramente l'islamismo. L'anno scorso, Macron ha apportato modifiche alla legge sull'immigrazione per il fatto che era stata utilizzata in modo improprio.

Per buona misura, Macron ha anche annunciato un controverso disegno di legge anti-separatismo per reprimere il radicalismo islamico che sarà presentato in Parlamento a dicembre. Prevede una serie di misure, tra cui riforme dell'istruzione scolastica per garantire che i bambini musulmani non abbandonino, controlli più severi su moschee e predicatori, e ha suscitato preoccupazione tra i musulmani in Francia.

Le osservazioni del presidente hanno mostrato quanto lontano abbia viaggiato la Francia dall'attacco dell'11 settembre 2001 alle Torri gemelle del World Trade Center. Mentre Le Monde dichiarava Siamo tutti americani oggi, Jacques Chirac, allora presidente francese, aveva tracciato le linee per il sostegno del suo paese alla guerra al terrorismo degli Stati Uniti.

La Francia più di ogni altro paese occidentale conosceva i pericoli di confondere un'intera religione con il terrorismo, ed era preoccupata che gli Stati Uniti potessero finire per farlo. Ha inviato truppe in Afghanistan, ma ha espresso la sua opposizione all'invasione dell'Iraq. Mentre il presidente degli Stati Uniti George W. Bush e il primo ministro britannico Tony Blair spingevano le Nazioni Unite a sostenere l'invasione pianificata, il ministro degli Esteri francese Dominique Villepin fece un appello appassionato contro di essa al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Dalla valutazione della Francia sull'intelligence disponibile, ha detto, nulla ci consente di stabilire […] i collegamenti che gli Stati Uniti stavano creando tra il regime di Saddam Hussein in Iraq e al-Qaeda. D'altra parte, dobbiamo valutare l'impatto che l'azione militare contestata avrebbe su questo piano. Un tale intervento non sarebbe suscettibile di esacerbare le divisioni tra società, culture e popoli, divisioni che alimentano il terrorismo?


leigh anne pinnock età

Da non perdere da Explained |Perché tutti tranne il Kazakistan sono seccati con il sequel di Borat?

Questo articolo è apparso per la prima volta nell'edizione cartacea il 28 ottobre con il titolo 'Francia, Emmanuel Macron e l'Islam'.