Blocco del Canale di Suez: come un vento del deserto ha portato fuori rotta $ 10 miliardi di commercio globale - Giugno 2022

Il Canale di Suez rimane bloccato e gli ultimi rapporti di persone che hanno familiarità con i soccorsi suggeriscono che durerà almeno fino a mercoledì.

Una vista mostra la nave portacontainer incagliata Ever Given, una delle più grandi navi portacontainer del mondo, dopo essersi arenata, nel Canale di Suez, in Egitto, il 27 marzo 2021. (Foto Reuters: Mohamed Abd El Ghany)

Le previsioni per martedì 23 marzo hanno mostrato raffiche di vento di oltre 40 miglia orarie e tempeste di sabbia che si sono abbattute sul nord dell'Egitto. In effetti, questo tempo è comune nel deserto del Sinai in questo periodo dell'anno.

Il canale di Suez —uno dei corsi d'acqua più critici, ma precari del pianeta, è rimasto aperto. Le navi stavano iniziando a formare il convoglio giornaliero mentre le raffiche si alzavano. Una delle più grandi navi portacontainer del mondo, la Ever Given, si è unita a questo. La decisione avrebbe ripercussioni globali in poche ore.



Newsletter| Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



Alle 7:40 ora locale, la meganave, carica di container che si estendevano per più di 120 chilometri (75 miglia) da un capo all'altro e trasportava di tutto, dal pesce congelato ai mobili, era bloccato . Il suo radicamento non solo metterebbe a nudo le complessità della navigazione in una fossa d'acqua artificiale in una nave delle dimensioni della Torre Eiffel, ma anche la fragilità di una rete globale di mercati ed economie che dà per scontato il flusso di merci attraverso di essa .

Sulla base dei dati di monitoraggio e di dozzine di interviste con persone del settore, ciò che è noto è che l'Ever Given ha iniziato a dirigersi attraverso il canale largo 300 metri mentre almeno un'altra nave ha deciso di trattenersi a causa dei forti venti. Anche l'Ever Given non impiegava rimorchiatori, secondo due persone con conoscenza della situazione, mentre le due navi portacontainer leggermente più piccole immediatamente più avanti lo facevano.



Poi c'era il problema della velocità con cui stava andando. Quando la nave iniziò a muoversi verso la sabbia, sembrò accelerare, forse per correggersi, sebbene fosse troppo tardi e quasi andò a sbattere contro la sponda. Ciò servì per poi incuneare lo scafo d'acciaio più profondamente nel lato del canale. Le raffiche avrebbero anche aggravato quello che è considerato dai capitani come uno dei passaggi d'acqua più difficili al mondo.

Ti aspettano alcuni giri da brivido, ha detto Andrew Kinsey, un ex capitano che ha navigato su una nave da carico di 300 metri attraverso la Suez ed è ora un consulente senior per i rischi marittimi presso Allianz Global Corporate & Specialty. È un canale così piccolo, i venti sono molto agitati e hai un margine di errore davvero piccolo e grandi conseguenze se si verificano errori.

Non era una situazione in cui non si poteva navigare, anche se il vento era abbastanza forte da chiudere i porti vicini. Alcune navi hanno utilizzato rimorchiatori o altri mezzi di assistenza, altre sono passate senza incidenti.



ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express Una nave mercantile Yang Ming è ancorata fuori dal Canale di Suez, dove una nave portacontainer si è arenata e ha bloccato il traffico, a Ismailia

Tuttavia, almeno una nave ha deciso di ritardare il viaggio attraverso il canale. Il giorno prima della messa a terra dell'Ever Given, la Rasheeda era tra le navi che si avvicinavano al canale dall'estremità meridionale. Consapevole dei pericoli dell'imminente tempesta di sabbia e carico di gas naturale liquefatto proveniente dal Qatar, il capitano ha deciso di non entrare nel canale dopo aver discusso con altri funzionari della Royal Dutch Shell Plc, che gestisce la nave, secondo due persone a conoscenza della situazione.

L'Autorità del Canale di Suez ha affermato che la mancanza di visibilità in condizioni meteorologiche avverse ha portato la nave a perdere il controllo e ad andare alla deriva. Non ha commentato ulteriormente. La Evergreen Line, con sede a Taiwan, il noleggiatore a tempo della nave, ha affermato tramite e-mail che la Ever Given è stata accidentalmente a terra dopo aver deviato dalla sua rotta a causa del sospetto improvviso forte vento.

Il manager della nave, Benhard Schulte Shipmanagement, ha affermato che le prime indagini suggeriscono che l'incidente sia stato causato dal vento. È in corso un'ampia indagine che coinvolge più agenzie e parti. Comprenderà interviste con i piloti a bordo e tutto il personale del ponte e altro equipaggio, ha affermato un portavoce della compagnia.




quanto guadagna daniel gibson

Nel frattempo, il canale rimane bloccato e gli ultimi rapporti di persone che hanno familiarità con i soccorsi suggeriscono che ci vorrà almeno fino a mercoledì.

Attraverso il 12% del commercio mondiale, una media di 50 navi attraversano ogni giorno Suez in convogli che partono la mattina presto. L'Ever Given iniziò il suo viaggio poco dopo l'alba e raccolse due piloti locali dall'Autorità del Canale di Suez. Vengono a bordo per sorvegliare le navi che effettuano il viaggio attraverso il corso d'acqua che può richiedere fino a 12 ore. Ma le regole di navigazione dell'autorità precisano chiaramente che il capitano, gli armatori e i noleggiatori rimangono responsabili degli incidenti.



Questa immagine satellitare di Maxar Technologies mostra la nave mercantile MV Ever Given bloccata nel Canale di Suez vicino a Suez, in Egitto, sabato 27 marzo 2021. (Maxar Technologies via AP)

Secondo un ex membro dell'equipaggio, il capitano Ever Given che sovrintendeva al ponte aveva fatto il viaggio attraverso il Suez molte volte e l'ha gestito con raffiche di vento. Le compagnie di navigazione affermano di utilizzare i loro migliori capitani per Suez a causa della natura delicata del viaggio.

Ma quello che è successo dopo ha lasciato merci per un valore di $ 10 miliardi senza un posto dove andare con più di 300 navi che trasportano prodotti in più settori ora bloccati nello stallo.

L'Ever Given perse l'orientamento e iniziò a virare sul lato di dritta a circa 5 miglia dall'imboccatura del canale. La nave da 200.000 tonnellate poi sbandò sul lato sinistro e presto si spostò di lato e si incagliò, la sua prua bulbosa rossa che si protendeva per tagliare efficacemente l'acqua saldamente incastonata nell'argine sabbioso.

Qui abbiamo solo una singola nave fuori posto eppure ha un impatto sull'intera economia marittima e globale, ha affermato Ian Ralby, amministratore delegato di I.R. Consilium, una società di consulenza in materia di diritto marittimo e sicurezza che collabora con i governi. Questa nave, che trasporta esattamente il tipo di cose su cui facciamo affidamento ogni giorno, dimostra che le catene di approvvigionamento su cui facciamo affidamento sono così integrate e il margine di errore è così sottile.

Coloro che mettono insieme ciò che ha causato l'incidente guarderanno senza dubbio alla velocità. L'ultima velocità nota della nave era di 13,5 nodi alle 7:28, 12 minuti prima dell'atterraggio, secondo i dati Bloomberg.

Ciò avrebbe superato il limite di velocità di circa 7,6 nodi (8,7 miglia all'ora) a 8,6 nodi che è indicato come la velocità massima consentita alle navi di transitare attraverso il canale, secondo il manuale delle regole di navigazione dell'autorità di Suez pubblicato sul suo sito web. I capitani intervistati per questa storia hanno affermato che può essere utile aumentare la velocità di fronte a un forte vento per manovrare meglio la nave.

La mappa mostra cosa dovranno fare le autorità per spostare la nave Ever Given dal Canale di Suez.

Accelerare fino a un certo punto è efficace, ha affermato Chris Gillard, che è stato capitano di una nave portacontainer di 300 metri che ha attraversato la Suez mensilmente per quasi un decennio fino al 2019. Più di questo diventa controproducente perché la prua verrà risucchiata. in profondità nell'acqua. Quindi, aggiungere troppa potenza non fa altro che esacerbare il problema.

I dati di Bloomberg mostrano anche che anche il Maersk Denver di 300 metri che viaggia dietro l'Ever Given ha registrato una velocità massima di 10,6 nodi alle 7:28. Un portavoce di Maersk in Danimarca ha rifiutato di commentare. I capitani delle navi e i piloti locali hanno affermato che non è insolito viaggiare attraverso il canale a quella velocità nonostante il limite inferiore.

La Cosco Galaxy, una nave portacontainer leggermente più piccola dell'Ever Given, era immediatamente più avanti e sembra aver viaggiato a una velocità simile, sebbene con un rimorchiatore. Anche quello davanti al Cosco, l'Al Nasriyah, aveva una scorta. Le scorte non sono obbligatorie, secondo le regole di navigazione dell'autorità di Suez, sebbene l'autorità possa richiederlo per le navi se lo ritiene necessario.

Le navi più grandi spesso viaggiano con un rimorchiatore nelle immediate vicinanze, una barca di scorta, per facilitare il transito, ha affermato il capitano Theologos Gampierakis della società commerciale Trafigura Group di Atene.

Una nave mercantile con container impilati in alto come l'Ever Given può essere particolarmente difficile da navigare poiché lo scafo della nave e il muro di container possono agire come un'enorme vela, ha detto Kinsey, l'ex capitano, che ha fatto il suo ultimo viaggio attraverso Suez nel 2006.

Potresti trovarti a posizionare la nave in una direzione e in realtà ti stai muovendo in un'altra direzione, ha detto Kinsey. C'è una linea molto sottile tra avere abbastanza velocità per manovrare e non avere troppa velocità che l'aria e l'idrodinamica diventano instabili. Qualsiasi deviazione può diventare davvero brutta molto rapidamente perché è così stretta.

Circa 20 minuti dopo l'incidente, secondo i dati compilati da Bloomberg, il primo dei due rimorchiatori che accompagnavano le navi prima dell'Ever Given è tornato per spingere il lato sinistro nel tentativo di rimuoverlo. Successivamente, otto rimorchiatori sono stati schierati per spingere entrambi i lati della nave portacontainer, ma senza alcun risultato.

La nave portacontainer incagliata Ever Given, una delle più grandi navi portacontainer del mondo, è stata avvistata dopo essersi arenata nel Canale di Suez, in Egitto (Reuters)

A terra, sul terrapieno sono stati inviati funzionari e investigatori. Gli escavatori hanno cercato di intaccare aiutando a liberarlo dall'argine sabbioso.

In un villaggio a 100 metri di distanza dalla nave bloccata, la nave si staglia sullo skyline come un gigantesco monumento. Ogni giorno in cui rimane fermo rende più difficile districarlo, a causa del sedimento trasportato dalle correnti che si impacchettano intorno alla nave sott'acqua, ha detto Kinsey.

L'incidente sarà un'occasione mancata se l'industria non si adatterà, ha affermato. Ci saranno navi più grandi di questa che attraverseranno Suez, disse. Il prossimo incidente sarà peggio.