Prossimamente: un regolamento, una dichiarazione dei diritti e un 'contratto' per il World Wide Web - Gennaio 2022

Sir Tim Berners-Lee, inventore del World Wide Web, ha annunciato un contratto per il Web, volto a salvare il futuro della sua invenzione, che è ormai quasi una condizione essenziale per l'esistenza umana.

Prossimamente: un regolamento, una dichiarazione dei diritti e un World Wide Web al punto di svolta: Berners-Lee (AP Photo)

Sir Tim Berners-Lee, inventore del World Wide Web, ha annunciato un contratto per il Web, volto a salvare il futuro della sua invenzione, che è ormai quasi una condizione essenziale per l'esistenza umana. Il Web è a un punto di svolta, ha scritto Berners-Lee in un editoriale per il New York Times, e necessita di un intervento radicale da parte di tutte le parti interessate: governi, aziende, gruppi della società civile e singoli utenti.

Cos'è il Contratto per il Web?



Berners-Lee ha annunciato i piani per questo contratto quasi un anno fa e la World Wide Web Foundation, un'organizzazione no-profit da lui fondata, ci ha lavorato. L'idea è quella di creare un piano d'azione globale affinché tutte le parti interessate si impegnino insieme a costruire un Web migliore. Il contratto si compone di nove principi — tre ciascuno per l'approvazione da parte di governi, società private e individui e società civile — con 76 clausole ciascuno.



Emily Sharpe, Director of Policy presso la World Wide Web Foundation, ha affermato che il contratto non doveva essere semplicemente un'aspirazione o solo una dichiarazione. In realtà è pensato per essere implementato ed è pensato per essere un piano d'azione. Speriamo, ad esempio, che i governi che stanno cercando di regolamentare nell'era digitale, possano utilizzare il contratto come una tabella di marcia per definire le loro politiche e leggi in futuro. E le aziende a fare lo stesso quando sviluppano i loro prodotti e servizi per il mondo, ha dettoquesto sito webal telefono da Londra.

E chi ha creato questo Contratto?



Rappresentanti di oltre 80 organizzazioni, inclusi governi, aziende, attivisti della società civile e accademici. L'obiettivo era creare una politica standard per un Web a vantaggio di tutti. I nove principi sono emersi dopo una serie di discussioni durate quasi un anno.

I partecipanti includevano i governi di Francia, Germania, Svizzera, Italia e Ghana; major tecnologiche Google, Facebook, Twitter, Microsoft, NordVPN, Reddit, Github e DuckDuckGo. Il contratto consente alle persone di avallarlo sul sito web ufficiale.

Quali sono i principi del Contratto?



*I governi garantiranno che tutti possano connettersi a Internet, mantenere tutto Internet disponibile, sempre e rispettare e proteggere la privacy online fondamentale e i diritti sui dati delle persone.

*Le aziende renderanno Internet accessibile e accessibile a tutti, rispetteranno e proteggeranno la privacy e i dati personali delle persone per creare fiducia online e svilupperanno tecnologie che supportano il meglio dell'umanità e sfidano il peggio.


patrimonio netto di heather mcdonald

*I cittadini saranno creatori e collaboratori sul Web, costruiranno comunità forti che rispettino il discorso civile e la dignità umana e lotteranno per il Web in modo che rimanga aperto e una risorsa pubblica globale per le persone ovunque, ora e in futuro.




joel mchale age

Come sarà attuato il Contratto?

I principi sono alti e l'attuazione non sarà facile. Sharpe ha affermato che le società che non implementano il contratto verranno eliminate dalla lista, il che potrebbe non essere il deterrente più forte. Tuttavia, ha sottolineato che le stesse aziende si sono rivolte a partecipare attivamente al contratto.



Questa è stata un'opportunità per loro di avere conversazioni con i governi e la società civile invece di urlarsi l'un l'altro. È stata un'occasione di dialogo. Quindi tornano dai loro ingegneri e dicono: 'Ci siamo impegnati con tutte queste altre parti interessate che combatteremo l'incitamento all'odio, che rispetteremo la privacy'. , ha detto Sharpe.

Anche così, il 'Contratto per il Web' non è un documento legale o un documento delle Nazioni Unite, sebbene l'organizzazione sia in trattativa con le Nazioni Unite. Attualmente non può piegare i governi o le aziende, anche quelli che sono a bordo, alla sua volontà.

Dobbiamo concordare, come comunità globale, quali sono gli standard giusti. E ora che abbiamo quell'accordo, si spera, vedremo i governi che sono più disposti ad agire in linea con gli standard dei diritti umani, che rispetteranno le clausole contrattuali, ha detto Sharpe.

L'azione dei cittadini è una parte importante del contratto e l'organizzazione spera che i cittadini ritengano i governi e le aziende responsabili delle violazioni dei suoi termini.

Il contratto è pronto, cosa succede ora?

L'idea, ha affermato Sharpe, è quella di costruire soluzioni concrete che supportino gli obiettivi fissati nel Contratto. Una clausola per le aziende, ad esempio, le invita a investire nella ricerca per assicurarsi che non stiano progettando servizi che manipolano le persone.

Attualmente non esiste un vero standard accettato di best practice anche per la progettazione di interfacce utente, per assicurarsi che le persone capiscano effettivamente a cosa stanno acconsentendo, quali informazioni vengono raccolte. È ancora lavoro che deve essere fatto, ha detto.

La World Wide Web Foundation afferma che lavorerà con tutte le parti interessate per creare alcuni di questi standard, che potrebbero aiutare il Web a rispettare i principi del contratto. Misurerà i progressi dei promotori del Contratto e collaborerà con le autorità di regolamentazione di tutto il mondo per garantire che le aziende rispettino le leggi nazionali che supportano gli obiettivi del Contratto. L'organizzazione spera anche di persuadere più governi in tutto il mondo a partecipare al contratto.