Spiegato: qual è il nuovo codice dei social media in India? - Luglio 2022

Le linee guida del governo sui media digitali annunciate giovedì hanno il potenziale per cambiare in modo fondamentale i social media e l'esperienza di visualizzazione OTT. Quali sono le modifiche principali e perché sono state notificate? In che modo influenzeranno aziende e consumatori?

Il ministro dell'Unione Ravi Shankar Prasad durante la conferenza stampa a New Delhi giovedì. (Foto espresso: Anil Sharma)

Citando le istruzioni della Corte Suprema e le preoccupazioni sollevate in Parlamento sull'abuso dei social media, il governo giovedìlinee guida rilasciateche mirano a regolamentare i social media, i media digitali e i fornitori di contenuti over-the-top (OTT).

Per le piattaforme di social media, le Regole dell'Information Technology (Linee guida per gli intermediari e Codice etico dei media digitali), 2021 prevedono una categoria di intermediari dei social media significativi, la cui soglia sarà comunicata in seguito. Inoltre, il governo ha affermato di voler creare condizioni di parità in termini di regole che devono essere seguite dalle notizie online e dalle piattaforme mediatiche nei confronti dei media tradizionali.




logan paul navy seal

Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta



Qual è lo sfondo di queste linee guida?

In una conferenza stampa, il ministro della legge e dell'informatica Ravi Shankar Prasad ha citato un'osservazione della Corte suprema del 2018 e un'ordinanza della Corte suprema del 2019, oltre alla discussione a Rajya Sabha - una volta nel 2018 e poi attraverso un rapporto redatto da un comitato nel 2020 - come il necessità di elaborare regole per consentire agli utenti ordinari delle piattaforme digitali di chiedere un risarcimento per le loro lamentele e imporre la responsabilità in caso di violazione dei loro diritti.

Il governo ha lavorato su queste linee guida per oltre tre anni; tuttavia, la grande spinta è arrivata sotto forma di violenti incidenti al Forte Rosso il 26 gennaio, a seguito dei quali il governo e Twitter sono stati coinvolti in un litigio sulla rimozione di alcuni account dalla piattaforma di social media.



Quali sono le proposte chiave che le linee guida fanno per i social media?

La sezione 79 dell'Information Technology Act fornisce un porto sicuro agli intermediari che ospitano contenuti generati dagli utenti e li esenta dalla responsabilità per le azioni degli utenti se aderiscono alle linee guida prescritte dal governo.

Le nuove linee guida comunicate giovedì prescrivono un elemento di due diligence che deve essere seguito dall'intermediario, in mancanza del quale le disposizioni dell'approdo sicuro cesserebbero di applicarsi a queste piattaforme come Twitter, Facebook, YouTube e WhatsApp.



Prescrivono inoltre un meccanismo di riparazione dei reclami imponendo agli intermediari, comprese le piattaforme di social media, di istituire un meccanismo per ricevere e risolvere i reclami degli utenti. Queste piattaforme dovranno nominare un addetto ai reclami per gestire tali reclami, che deve riconoscere il reclamo entro 24 ore e risolverlo entro 15 giorni dal ricevimento.

Leggi anche|Le regole riflettono la tendenza globale, ma l'ampia lista nera mette al centro la legge e l'ordine

Le linee guida stabiliscono le regole per la rimozione dei contenuti dai social media?

In sostanza, le regole stabiliscono 10 categorie di contenuti che la piattaforma di social media non dovrebbe ospitare.



Questi includono contenuti che minacciano l'unità, l'integrità, la difesa, la sicurezza o la sovranità dell'India, le relazioni amichevoli con Stati stranieri o l'ordine pubblico, o provocano incitamento alla commissione di qualsiasi reato riconoscibile o impediscono le indagini su qualsiasi reato o insultano Stati stranieri ; è diffamatorio, osceno, pornografico, pedofilo, lesivo della privacy altrui, inclusa la privacy fisica; insultare o molestare sulla base del genere; calunnioso, razzista o etnicamente discutibile; relativi o incoraggianti il ​​riciclaggio di denaro o il gioco d'azzardo, o altrimenti incoerenti o contrari alle leggi dell'India, ecc.

Le regole stabiliscono che al ricevimento di informazioni sulla piattaforma che ospita contenuti proibiti da un tribunale o dall'agenzia governativa appropriata, dovrebbe rimuovere tali contenuti entro 36 ore.

Cosa comporta la due diligence per le società di social media?

Oltre a nominare un addetto ai reclami, le piattaforme di social media dovranno ora nominare un chief compliance officer residente in India, che sarà responsabile di garantire il rispetto delle regole. Dovranno inoltre nominare un referente nodale per il coordinamento 24×7 con le forze dell'ordine.

Inoltre, le piattaforme dovranno pubblicare un rapporto di conformità mensile che menzioni i dettagli dei reclami ricevuti e le azioni intraprese sui reclami, nonché i dettagli dei contenuti rimossi in modo proattivo dall'importante intermediario dei social media.

Mentre le regole sono state notificate ed entreranno in vigore da giovedì, i requisiti di due diligence entreranno in vigore dopo tre mesi.

Editoriale|Tocco leggero o strumento contundente? Nuove regole per regolamentare social media e OTT tracciano il confine tra Big Tech e governo

Quali sono le sanzioni per le aziende che violano queste linee guida?

Nel caso in cui un intermediario non rispetti le regole, perderebbe l'approdo sicuro e sarà passibile di sanzioni ai sensi di qualsiasi legge attualmente in vigore, comprese le disposizioni dell'IT Act e del codice penale indiano.

Mentre i reati previsti dalla legge sull'informatica vanno dalla manomissione di documenti, violazione di sistemi informatici, falsa dichiarazione in linea, riservatezza, privacy e pubblicazione di contenuti per scopi fraudolenti, tra gli altri, le disposizioni penali variano dalla reclusione da tre anni a un massimo di sette anni , con multe a partire da Rs 2 lakh.

Ad esempio, qualsiasi persona che manometta, nasconda, distrugga o alteri intenzionalmente qualsiasi fonte di computer, sarà punita con una sanzione fino a Rs 2 lakh, oltre alla semplice reclusione di tre anni, o entrambi.

Ai sensi dell'articolo 66 della legge sull'informatica, se una persona, senza l'autorizzazione del proprietario o di qualsiasi altra persona responsabile del computer o della rete informatica, danneggia dette proprietà, sarebbe passibile di una sanzione fino a Rs 5 lakh, o essere incarcerato fino a tre anni o entrambi.

La sezione 67 A dell'IT Act contiene disposizioni per multare e incarcerare le persone che trasmettono atti o comportamenti sessualmente espliciti. In primo grado, tali persone sono punite con una pena fino a Rs 10 lakh e con la reclusione fino a cinque anni, mentre in secondo grado la reclusione fino a sette anni.

I dirigenti di intermediari che non ottemperano a un ordine emesso dal governo adducendo una minaccia alla sovranità o all'integrità, alla difesa, alla sicurezza dello stato o all'ordine pubblico, possono essere puniti con la reclusione fino a sette anni ai sensi dell'articolo 69 della legge sull'informatica.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Qual è la legge attuale in India per quanto riguarda la privacy dei dati su Internet e per gli utenti dei social media?

Sebbene non ci siano disposizioni specifiche nell'IT Act del 2000 che definiscono la privacy, o disposizioni penali relative alla privacy, alcune sezioni della legge trattano casi molto specifici di violazione dei dati e privacy.

Ad esempio, la Sezione 43A prevede un risarcimento se un intermediario è negligente nell'utilizzo di parametri di sicurezza e protezione ragionevoli e di buona qualità, che possono proteggere i dati dei propri utenti e cittadini. Sebbene questa sezione dica che le aziende devono utilizzare pratiche e procedure di sicurezza ragionevoli, le stesse non sono definite in termini molto chiari e possono essere interpretate in vari modi.

La sezione 72 dell'IT Act prevede disposizioni penali e di reclusione se un funzionario del governo, nell'esercizio delle sue funzioni, ottiene l'accesso a determinate informazioni e successivamente le divulga.

La sezione 72A prevede sanzioni penali se un fornitore di servizi, nel corso della fornitura del servizio o durante il periodo contrattuale, divulga informazioni personali dell'utente senza che questi ne sia a conoscenza.

Cosa significano per i consumatori le regole per i servizi OTT?

Per i fornitori di servizi OTT come YouTube, Netflix, ecc., il governo ha prescritto l'autoclassificazione dei contenuti in cinque categorie in base all'età.

I contenuti curati online adatti a bambini e persone di tutte le età devono essere classificati come U e i contenuti adatti a persone di età pari o superiore a 7 anni e che possono essere visualizzati da una persona di età inferiore a 7 anni con la guida dei genitori , deve essere classificato come rating U/A 7+.


fede coley salie

I contenuti adatti a persone di età pari o superiore a 13 anni e che possono essere visualizzati da una persona di età inferiore a 13 anni con la guida dei genitori devono essere classificati come classificazione U/A 13+; i contenuti adatti a persone di età pari o superiore a 16 anni e che possono essere visualizzati da una persona di età inferiore a 16 anni con la guida dei genitori devono essere classificati come classificazione U/A 16+.

I contenuti curati online che sono riservati agli adulti devono essere classificati come classificazione A. Le piattaforme dovrebbero implementare il blocco dei genitori per i contenuti classificati come U/A 13+ o superiore e meccanismi di verifica dell'età affidabili per i contenuti classificati come A.