Spiegato: giganti della tecnologia contro regolatori - Gennaio 2022

Google e Facebook si sono scontrati con il governo australiano per le leggi che propongono di far pagare le organizzazioni di notizie per l'utilizzo dei loro contenuti. L'esito della lotta avrà implicazioni anche per l'India.

Mel Silva, amministratore delegato di Google Australia e Nuova Zelanda, appare tramite un collegamento video durante un'inchiesta del Senato a Canberra venerdì. (Immagine Mick Tsikas/AAP tramite AP)

Il parlamento australiano sta discutendo una legislazione che richiederebbe Google e Facebook per avviare trattative di pagamento con le società di media per l'utilizzo dei loro contenuti, con un arbitro incaricato di giudicare nel caso in cui non sia possibile raggiungere un accordo.

Le società di Internet si sono opposte alla legislazione e la lotta viene seguita in tutto il mondo, dato l'impatto che il risultato potrebbe avere in tutte le aree geografiche, compreso in India. C'è anche una rinnovata attenzione su un modello che è stato lanciato con un certo successo in Corea del Sud.



Quasi quattro anni prima, Naver, il sito di notizie più popolare della Corea del Sud e il più grande motore di ricerca, aveva elaborato un modello insolito per lavorare con gli editori di notizie coreani, designando circa 125 punti vendita come partner in-link di Naver News e pagandoli per le storie pubblicate su Naver. Altri 500 punti vendita di notizie dispari sono partner di ricerca non pagati. Il pagamento totale è stato di oltre $ 40 milioni nel 2017.



Anche se questo potrebbe non essere il modello perfetto, le agenzie di stampa sono state generalmente insoddisfatte della loro parte; inoltre, recentemente ci sono state polemiche sulle accuse secondo cui Naver avrebbe manipolato la classifica degli articoli critici nei confronti della principale associazione calcistica della Corea del Sud su richiesta di quest'ultima: il modello rimane operativo in una nazione in cui quasi l'85% della popolazione accede alle notizie online.

Leggi anche|Laureati IIT, ex dirigenti di Google pronti a lanciare il motore di ricerca senza pubblicità Neeva

La lotta in Australia




zsa zsa gabor kids

La scorsa settimana Google ha minacciato di rimuovere il suo motore di ricerca dall'Australia. Facebook ha affermato che potrebbe impedire agli utenti australiani di pubblicare o condividere link di notizie se le norme proposte sui pagamenti delle royalty fossero messe in atto.

I rappresentanti delle major tecnologiche sono apparsi in un'audizione al Senato a Canberra venerdì scorso. Hanno sostenuto che l'industria dei media stava già beneficiando del traffico indirizzato verso di loro dalle piattaforme digitali e che le regole proposte li avrebbero esposti a livelli ingestibili di rischio finanziario e operativo.

La risposta delle aziende altrove



Bloomberg e alcuni altri media hanno riferito che Facebook prevede di lanciare la sua funzione di scheda notizie (disponibile negli Stati Uniti dal 2019) nel Regno Unito, con probabili legami con The Guardian, The Economist e The Independent. E Google sta lanciando la sua piattaforma di offerta di notizie, Google News Showcase.

Entrambe queste piattaforme mirano a formalizzare patti di pagamento con le testate giornalistiche. In una dichiarazione della scorsa settimana, Google ha affermato che News Showcase, che presenta pannelli di storie che consentono agli editori partecipanti di confezionare le storie che appaiono all'interno dei prodotti di notizie di Google, ha a bordo più di 450 pubblicazioni in una dozzina di paesi, tra cui Le Monde, Le Figaro, e Liberation in Francia; El Cronista e La Gaceta in Argentina; TAG24 e Sachsische Zeitung in Germania; e Jornal do Commercio di Pernambuco in Brasile.

Google aveva annunciato nel dicembre 2020 che avrebbe presto iniziato a offrire alle persone l'accesso a contenuti protetti da paywall in collaborazione con editori di notizie selezionati. Aveva detto che avrebbe pagato i partner partecipanti per fornire un accesso limitato ai contenuti protetti da paywall per gli utenti di News Showcase.



Giovedì scorso, Google ha dichiarato che pagherà le pubblicazioni di notizie in Francia per l'utilizzo dei loro contenuti online. L'esperto di tecnologia e APIG, un gruppo di media francesi, hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta che dopo mesi di colloqui, avevano concordato i principi su cui le pubblicazioni di notizie dovrebbero essere compensate per la distribuzione dei loro contenuti sulle piattaforme di Google.

Tuttavia, la prima risposta di Google alla Francia che ha adottato le regole sul copyright dell'UE è stata di interrompere la visualizzazione di frammenti di notizie, fino a quando non è intervenuto il regolatore francese della concorrenza, nell'ottobre dello scorso anno. Google ha anche staccato la spina al suo servizio Google News in Spagna, che ha reso obbligatori i pagamenti agli editori.



Il problema centrale

Il pagamento del feed di notizie in sé sembra essere un problema minore per i giganti della tecnologia, dato che Google ha stipulato l'accordo per pagare le pubblicazioni di notizie in Francia poche ore prima di minacciare di rimuovere le sue funzioni di ricerca in Australia. La lotta in Australia è evidentemente incentrata su quanto controllo queste società sarebbero in grado di mantenere sul loro processo di pagamento: aspetti operativi come decidere l'importo dei pagamenti per le fonti di feed di notizie e dover rivelare cambiamenti nei loro algoritmi. Le pesanti sanzioni proposte da Canberra vengono viste come un problema aggiuntivo.


quanto vale chad johnson

Non si può negare che dietro le mosse di Facebook e Google per lanciare piattaforme come la scheda delle notizie proposte e Showcase, ci sia stata una dura azione da parte delle autorità di regolamentazione, a differenza dell'azione in gran parte volontaria di Naver in Corea.

Le autorità europee hanno specificamente legato i pagamenti al diritto d'autore, senza imporre un dispositivo di forzatura negli accordi. Il codice australiano, d'altra parte, è quasi interamente incentrato sul potere contrattuale delle agenzie di stampa nei confronti delle major tecnologiche e presenta anche alcune caratteristiche coercitive. Si tratta più di una questione di concorrenza in Australia, di equazioni di potere tra le tradizionali agenzie di stampa e le piattaforme tecnologiche, con la questione dell'abuso di dominio da parte di queste ultime in bilico.

I regolatori australiani avevano inizialmente proposto un codice di condotta volontario, ma da allora hanno intensificato le pressioni. Il regolatore della concorrenza australiano ha avvertito che le leggi pianificate per costringere Google e Facebook a pagare per i contenuti delle notizie erano probabilmente solo l'inizio di una maggiore regolamentazione per le piattaforme digitali.

Questo codice di contrattazione è un viaggio, se vediamo il potere di mercato altrove, possiamo aggiungerlo al codice, ha detto il presidente della Commissione australiana per la concorrenza e i consumatori Rod Sims in un'intervista a Reuters. Anche in Francia, l'organismo di controllo della concorrenza FCA l'anno scorso aveva emesso restrizioni alle grandi aziende tecnologiche. FCA aveva ritenuto la mossa di Google di ritirare i frammenti di notizie ingiusta e dannosa per il settore della stampa, e anche probabile che costituisse un abuso di posizione dominante sul mercato.

Il dibattito in India

Finora i responsabili politici in India si sono concentrati sul predominio di intermediari come Google e Facebook, che sono posizionati in modo tale che i fornitori di servizi non possano raggiungere i clienti se non attraverso queste piattaforme.

Le liti in Australia e altrove potrebbero avere implicazioni più ampie per la regolamentazione dell'economia digitale in India a lungo termine. Una discussione sostanziale sull'impatto delle piattaforme intermediarie sulla salute dei mezzi di informazione deve ancora iniziare in modo significativo qui.

Secondo un rapporto FICCI-EY sul settore dei media e dell'intrattenimento indiano per il 2020, ci sono 300 milioni di utenti di siti di notizie online, portali e aggregatori nel paese, che rappresentano circa il 46% degli utenti Internet e il 77% degli utenti di smartphone in India a la fine del 2019.


quanto vale jon jones

Con 282 milioni di visitatori unici, l'India è la seconda nazione che consuma più notizie online dopo la Cina. In India, secondo le stime di EY, la spesa per la pubblicità digitale nel 2019 è cresciuta del 24% su base annua raggiungendo 27.900 crore di rupie e si prevede che cresceranno fino a 51.340 crore di rupie entro il 2022.

ISCRIVITI ADESSO :Il canale Telegram spiegato Express

Secondo Edelweiss Research, a livello globale, Facebook e Google insieme detengono il 61% della quota di mercato nella spesa pubblicitaria digitale; Google guida con il 37%. In una nota separata, Edelweiss ha affermato di aspettarsi un'ulteriore accelerazione della spesa digitale, guidata da un sostanziale balzo dell'attività online accentuato dal Covid-19.

Altri importanti aggregatori di notizie in India sono Dailyhunt, la cui società madre (VerSe Innovation) ha raccolto fondi da Google e Microsoft, e InShorts, sostenuta da Tiger Global. Secondo un rapporto del gennaio 2020 del Nieman Lab dell'Università di Harvard, gli editori sono stati inizialmente pagati tra 5-6 lakh di rupie al mese per i contenuti ospitati su Dailyhunt, ma hanno iniziato a uscire dalla piattaforma dopo la modifica dei termini. Il rapporto ha rilevato che Malayala Manorama è stato uno dei primi grandi editori a uscire da Dailyhunt nel 2017. Anche senza che la conversazione in India raggiunga il punto in cui gli aggregatori di notizie sono obbligati a effettuare pagamenti agli editori, startup come Dailyhunt e InShorts devono ancora trovare un modello di reddito sostenibile.