Spiegato: perché la RBI ha lasciato invariati i tassi di interesse - Luglio 2022

La revisione della politica monetaria della RBI ha mantenuto i tassi di interesse invariati, contrariamente alle ampie aspettative del mercato. Uno sguardo a come le preoccupazioni per l'inflazione e la crescita hanno portato a questa decisione e altri punti salienti.

Il governatore della RBI Shaktikanta Das. (Foto/File espresso)

La Reserve Bank of Indiamantenuto i tassi di interesse in sospesogiovedì, cercando di contenere un aumento dell'inflazione al dettaglio anche se la crescita rimane una preoccupazione. La RBI ha tagliato i tassi ufficiali di 115 punti base da febbraio di quest'anno e ha pompato liquidità nel sistema finanziario vicino a Rs 10 lakh crore. Nella sua revisione bimestrale della politica monetaria di giovedì, ha anche dato il segnale verde a un programma di ristrutturazione dei prestiti per salvare i mutuatari stressati.

Perché il Comitato di politica monetaria non ha tagliato i tassi di interesse?




qual è il patrimonio netto di howard stern

Mentre il governatore Shaktikanta Das ha affermato che la posizione accomodante della RBI continua, la tenuta dei tassi è contraria alle ampie aspettative del mercato di un taglio dei tassi ufficiali per consentire alle banche di prestare di più. L'inflazione al dettaglio, misurata dall'indice dei prezzi al consumo, è salita a giugno al 6,09% dal 5,84% di marzo, superando l'intervallo obiettivo di medio termine della RBI del 2-6%. Questa sembra essere stata una delle principali bandiere rosse che ha spinto la decisione unanime del MPC.



Inoltre, Das ha segnalato che l'inflazione alimentare interna resta elevata. Data l'incertezza che circonda le prospettive di inflazione e lo stato debole dell'economia durante la pandemia, il panel ha deciso di mantenere il tasso ufficiale in attesa, pur rimanendo attento a una riduzione durevole dell'inflazione per utilizzare lo spazio disponibile per sostenere un rilancio del economia.

Perché la RBI è preoccupata per l'inflazione?



Il governatore della RBI ha chiarito che le stampe sull'inflazione al dettaglio di aprile-maggio 2020 richiedono maggiore chiarezza. Lo stesso obiettivo di inflazione è ulteriormente oscurato dal picco dei prezzi alimentari a causa delle inondazioni nell'India orientale, delle interruzioni legate al blocco e delle pressioni sui costi sotto forma di tasse elevate sui prodotti petroliferi, aumenti delle tariffe delle telecomunicazioni e aumento dei costi delle materie prime riflessi in aumento dei prezzi dell'acciaio e dell'oro sulla domanda di rifugio sicuro.

L'inflazione primaria a giugno dopo un intervallo di due mesi e le impronte dell'inflazione per aprile-maggio hanno aggiunto incertezza alle prospettive di inflazione. Persistono le interruzioni della catena di approvvigionamento a causa del Covid-19, con implicazioni per i prezzi sia alimentari che non alimentari. Mentre la pressione sui prezzi delle verdure chiave deve ancora diminuire, anche i prodotti alimentari a base di proteine ​​potrebbero emergere come un punto di pressione, dato lo stretto equilibrio tra domanda e offerta nel caso dei legumi.

La RBI osserva che le prospettive di inflazione delle categorie non alimentari sono piene di incertezza. Anche la volatilità sui mercati finanziari e l'aumento dei prezzi delle attività pongono rischi al rialzo per le prospettive. L'inflazione complessiva potrebbe rimanere elevata nel secondo trimestre del 2020-21, ma potrebbe moderarsi nella seconda metà del 2020-21, aiutata da ampi effetti base favorevoli.



Fonte: RBI Financial Stability Report, luglio 2020

Il precedente taglio dei tassi sta funzionando?

La RBI ha affermato che la riduzione cumulativa di 250 punti base del tasso repo da febbraio 2019 si sta facendo strada nell'economia, abbassando i tassi di interesse sui mercati monetari, obbligazionari e creditizi e riducendo gli spread. A maggio, l'MPC aveva ridotto il tasso sui pronti contro termine di 40 bps al 4%, pur mantenendo un orientamento accomodante. In effetti, negli ultimi sette mesi, l'MPC ha già tagliato il tasso di pronti contro termine di 115 bps, anche se la trasmissione dalle banche ai clienti deve ancora iniziare a pieno. Tuttavia, la RBI afferma che la trasmissione ai tassi sui prestiti bancari è migliorata, con il tasso medio ponderato sui prestiti in rupia fresca in calo di 91 bps durante marzo-giugno. D'altra parte, anche i tassi sui depositi sono diminuiti, colpendo i risparmiatori.

Qual è la valutazione dell'economia da parte della RBI?



Dice che l'attività economica ha iniziato a riprendersi dai minimi di aprile-maggio a seguito della riapertura irregolare di alcune parti del paese a giugno. Tuttavia, le nuove infezioni da Covid-19 hanno costretto a rinnovare i blocchi in diverse città e stati e diversi indicatori ad alta frequenza si sono stabilizzati. La RBI e molti esperti, tra cui il presidente dell'HDFC Deepak Parekh, hanno affermato che la ripresa dell'economia rurale dovrebbe essere robusta, sostenuta dai progressi nella semina del kharif.

Le aziende manifatturiere che hanno risposto all'indagine sulle prospettive industriali della RBI prevedono che la domanda interna si riprenderà gradualmente dal secondo trimestre e si manterrà fino al primo trimestre del 2021-22. Per il 2020-21 nel suo insieme, la crescita del PIL reale dovrebbe essere negativa. Il contenimento precoce della pandemia potrebbe migliorare le prospettive. Uno spread più prolungato, deviazioni dalla previsione di un normale monsone e la volatilità del mercato finanziario globale sono i rischi al ribasso.



Espresso spiegatoè ora accesoTelegramma. Clicqui per unirti al nostro canale (@ieexplained)e rimani aggiornato con le ultime

La RBI dipende dalla spinta alla liquidità per abbassare i tassi e stimolare la crescita?


patrimonio netto di marcy d'arcy

Le misure di liquidità annunciate dalla RBI da febbraio 2020 si sono aggregate a circa Rs 9,57 lakh crore, equivalenti a circa il 4,7% del PIL nominale 2019-20. La RBI ha affermato che le misure di liquidità finora hanno contribuito a ridurre significativamente i costi degli interessi per i mutuatari aziendali, con conseguente trasmissione efficace di tassi di riferimento più bassi e miglioramento delle condizioni finanziarie. La situazione per le società finanziarie non bancarie e i fondi comuni di investimento si è stabilizzata da quando il Covid-19 ha scosso i mercati per la prima volta a marzo.

Giovedì la RBI ha annunciato un'ulteriore speciale linea di liquidità di 10.000 crore di rupie al tasso di pronti contro termine della politica — crore di 5.000 rupie ciascuno alla National Housing Bank e alla NABARD. Si prevede che ciò migliorerà il flusso di fondi verso il settore immobiliare, le NBFC e le istituzioni di microfinanza. Misure come la ristrutturazione del credito sono volte a migliorare la posizione di liquidità di aziende e privati.

Anche in Spiegato | I due motivi per cui RBI non ha tagliato i tassi di interesse, contrariamente alle aspettative

Qual è il nuovo quadro di ristrutturazione dei prestiti per le attività in difficoltà?

Poiché la moratoria sui rimborsi dei prestiti terminerà il 31 agosto, le banche e la RBI prevedono un picco di crediti inesigibili. Le attività deteriorate potrebbero salire fino al 14,7% dei prestiti totali nello scenario peggiore entro marzo 2021. Con grande sollievo per i settori stressati colpiti dalla pandemia, la RBI ha aperto un finestra temporale di ristrutturazione per coloro che risultano insolventi da non più di 30 giorni a partire dal 1 marzo 2020. Per le ristrutturazioni delle imprese e dei grandi prestiti, sono stati specificati un rigoroso monitoraggio e il rispetto delle norme per prevenire l'inverdimento delle sofferenze. Per i mutuatari aziendali, le banche possono invocare un piano di risoluzione fino al 31 dicembre 2020 e implementarlo fino al 30 giugno 2021. In un importante allentamento per le banche, la RBI ha affermato che i conti dei prestiti dovrebbero continuare a essere standard fino alla data di attivazione.

La ristrutturazione dei grandi fidi richiederà una valutazione indipendente del credito da parte delle agenzie di rating e una convalida del processo da parte di un comitato di esperti presieduto da K V Kamath. Per mitigare l'impatto delle perdite attese sui prestiti, le banche devono effettuare un accantonamento del 10% a fronte di tali conti in fase di risoluzione. In caso di più prestatori a un unico mutuatario, le banche devono firmare un accordo tra creditori (ICA). Il piano di rifusione del prestito dovrebbe tenere sotto controllo il livello delle sofferenze.

E la risoluzione dei prestiti personali?

Per questi, la RBI ha messo in atto un quadro separato. Sono ammissibili alla risoluzione solo i conti di prestito personale che sono stati classificati come standard, ma non sono stati inadempienti per più di 30 giorni al 1 marzo 2020. Tuttavia, le linee di credito fornite dai finanziatori al proprio personale/staff non sono ammissibili. Il piano di risoluzione dei prestiti personali può essere invocato fino al 31 dicembre 2020 e deve essere attuato entro i 90 giorni successivi. A differenza del caso di ristrutturazione di esposizioni aziendali di maggiori dimensioni, non vi sarà alcun obbligo di validazione da parte di terzi da parte del comitato di esperti, né da parte delle agenzie di rating del credito, né necessità di ICA in caso di prestiti personali. La durata dei prestiti in delibera non può essere prorogata di oltre due anni. I piani di risoluzione possono includere la riprogrammazione dei pagamenti, la conversione di qualsiasi interesse maturato o da maturare in un'altra linea di credito.

Leggi anche |Qual è il legame tra tasso di inflazione e tasso di interesse?