Come Shashi Tharoor esamina i due nazionalismi in disaccordo in India oggi, ma non riesce a spiegare la popolarità di un etnocentrismo duro e spietato - Febbraio 2023

Lo spazio intermedio, tra la Costituzione e Modi, sembra scarsamente popolato nel nuovo libro di Tharoor 'La battaglia dell'appartenenza'. Nella vita reale, in questo spazio, giacciono i fallimenti politici del passato che gettano un'ombra più grande sul presente e perseguitano il futuro

La battaglia di appartenenza, Shashi Tharoor, combinazione Modi-BJP, libro, nazionalismo, occhio 2021, occhio della domenica, notizie indiane expressDal popolo, per il popolo: una protesta contro la legge sulla cittadinanza (emendamento) a Shaheen Bagh a Nuova Delhi nel dicembre 2019. (foto di archivio express)

Autore: Shashi Tharoor
Editore: Aleph Book Company
Pagine: 462
Prezzo: 799 rupie



Verso la fine del libro, Shashi Tharoor cita Pratap Bhanu Mehta: Il pluralismo indiano è un fatto, non una soluzione. In altre parole, dovrebbe essere il punto di partenza per porre domande sul nazionalismo in India oggi, sui percorsi spettrali che sta prendendo, e non sull'argomento decisivo. Il nazionalismo totalizzante del governo Modi-BJP è problematico proprio perché fa esplodere le vaste diversità dell'India. La ricerca di una comprensione del perché quel progetto politico sembra avere successo, quindi, deve partire dalla realtà del pluralismo: non saremmo andati molto lontano se la nostra esplorazione si fosse conclusa con slogan di pluralismo, per quanto impennati o ben intenzionati.

La battaglia dell'appartenenza è imponente e ben intenzionata. Presenta il confronto tra due nazionalismi nell'India di oggi con erudizione e chiarezza morale: nazionalismo civico contro etno-nazionalismo. Secondo Tharoor, il primo crede che in una democrazia non sia necessario essere sempre d'accordo, tranne che sulle regole di base su come non essere d'accordo. Quest'ultimo non è d'accordo con le regole di base, richiede la subordinazione della minoranza e l'identificazione totale con il rashtra indù. Il primo sostiene il primato della legge, il secondo chiude un occhio davanti al governo della mafia, ai linciaggi e al vigilantismo. Quest'ultimo è guidato da un culto della personalità, che esige, come dice Umberto Eco e cita Tharoor nel libro, che i cittadini non agiscano; sono chiamati solo a svolgere il ruolo del Popolo.






patrimonio netto di foxx

Tuttavia, sebbene Tharoor sia eloquente e si intreccia in aneddoti che parlano del suo invidiabile punto di osservazione come diplomatico, studioso e politico, rimane un fastidioso disagio. Per la maggior parte, Tharoor sta sostenendo un nazionalismo civico di una virtù evidente, piuttosto che aiutarci a capire perché oggi viene superato. Anche Tharoor, il politico, si ferma di colpo: inquadra l'impasse, assume una posizione di principio, ma non si immerge molto nelle acque politiche.

La cosa singolare dell'India è che se ne può parlare solo al plurale, dice Tharoor. Descrive come i nostri padri e madri fondatori hanno costruito nella Costituzione, una casa sicura per le differenze, dove minoranza e maggioranza dovevano essere costantemente ridefinite nel dominio fluido della politica. Allora perché un nazionalismo duro e spietato ha fatto passi così grandi nel paese?



In una sezione del libro che è deludentemente superficiale, Tharoor offre nove ragioni per questo: perché gli ideali nazionali sono stati ridefiniti e riproposti; l'unità ha lasciato il posto all'uniformità; il patriottismo è rinato come sciovinismo; le istituzioni indipendenti stanno cedendo a un governo dominante; la democrazia viene rimodellata in un governo individuale.

Questi sono: l'emergere di nuove élite che portano aspirazioni e valori diversi dalle vecchie élite; un contraccolpo contro la globalizzazione culturale; una rivolta contro la classe politica-insider, per la quale la Delhi di Lutyens è diventata una stenografia; la fame di liberalizzazione economica della comunità imprenditoriale; un aumento globale della religiosità; processi di modernizzazione e urbanizzazione che allentano le ortodossie sociali locali e creano spazio per una comunità nazionale indù; la campagna pakistana per incitare, finanziare e guidare il terrorismo in India; indiani più giovani impazienti di cambiare da una vecchia politica di coalizioni disordinate; e le radicali trasformazioni causate dalla tecnologia, che hanno portato i social media a diventare un luogo onnipresente e ospitale per bigotti e pregiudizi riciclati.



L'elenco di Tharoor amplia la ricerca di una spiegazione del predominio del nazionalismo indù, ma solo giustamente. È curiosamente inanimato e frettoloso, come se volesse spuntare quelle scatole e farla finita, prima di tornare a ciò che gli interessa davvero: narrare un'India dove non importa quale religione pratichi, che lingua parli, quale casta in cui sei nato… È un peana che, anche se lui lo nega, suona più come un canto funebre o un'elegia.

La battaglia di appartenenza, Shashi Tharoor, combinazione Modi-BJP, libro, nazionalismo, occhio 2021, occhio della domenica, notizie indiane expressLa battaglia dell'appartenenza: su nazionalismo, patriottismo e cosa significa essere indiani

Nelle parti migliori del libro, Tharoor riempie di vita e colore la Costituzione, che diventa quasi un personaggio vivo e vitale, e salva l'idea dell'India e dell'unità nella diversità dallo scivolare nel cliché, rifacendosi al momento costituzionale, recuperando pezzi di dibattiti fondanti sulla rappresentanza, i diritti delle minoranze, l'individuo contro il gruppo.



La combinazione Modi-BJP è anche una forza nel libro, per lo più maligna: fabbrica la storia e mina l'autonomia delle istituzioni, introduce una legge discriminatoria sulla cittadinanza, criminalizza il triplo talaq e abroga l'articolo 370 come un modo per prendere di mira i musulmani e cerca di imporre Hindi nel sud del paese.

Ma è lo spazio intermedio, tra la Costituzione e Modi - da dove arriverà il respingimento che Tharoor spera - che sembra spoglio e scarsamente popolato nel libro. Nella vita reale, in questo spazio, giacciono i fallimenti politici del passato che gettano un'ombra più grande sul presente e perseguitano il futuro perché sono così raramente riconosciuti. In questo spazio risiede il lavoro politico non svolto da coloro che si sono proclamati alfieri del nazionalismo civico di Tharoor. Qui stanno le numerose abdicazioni del suo partito, il Congresso, i suoi cospicui cedimenti sui principi liberali, le sue distorsioni e vigliaccherie sul secolarismo.



Fuori dal libro, nella vita reale, in questo spazio, anche, ci sono le persone, le cui ragioni per votare per Modi e il BJP potrebbero andare ben oltre i nove punti qualcosa di Tharoor. Il popolo, è possibile, ha votato per Modi perché manipolato dalla sua propaganda e pungolato dal suo odio per il Pakistan e per i suoi vicini musulmani. Hanno votato per lui perché erano colpiti da transizioni sociali più grandi di loro e perché cercavano la sicurezza di un uomo forte. Ma hanno anche votato per qualcosa di più.

La gente ha votato per Modi, forse, perché è diventato quello che voleva che fosse. Il rischio, per coloro che si erano stancati dello status quo. Il leader dalle grandi idee, per chi aveva visto la politica rimpicciolirsi sotto il peso morto di fazione e famiglia. Il comunicatore, per chi aveva scandito i silenzi indotti dall'innaturale spartizione del potere al vertice dell'UPA guidata da Manmohan Singh. L'outsider e il livellatore, per chi si sentiva escluso da enclavi di privilegio e opportunità. Il Primo Ministro che ha portato l'India nel mondo e riportato il mondo a lui in un turbinio di abbracci e foto-op, per coloro a cui non era mai stata raccontata una storia di politica estera perché quella era appannaggio esclusivo di esperti e mandarini. Naturalmente, alla base dei molti Modi, ad ancorarli, c'era davvero l'Hriday indù samrat, che ha fatto sì che il pregiudizio e il bigottismo comuni venissero tirati fuori dall'armadio e dato un'intera messa in onda.



Certo, Modi fa anche le persone tanto quanto si lascia fare da loro. Ha lavorato per rifare il cittadino come labharthi, il beneficiario di schemi che, a suo nome, consegnano merci, come le bombole di gas Ujjwala, nelle loro case.


casa di shannon leto

Riuscirà il cittadino-labharthi a sopravvivere alla pandemia, quando Modi non è riuscito a fornire la bombola di ossigeno salvavita a così tante case? Il progetto del nazionalismo indù può rimanere invariato dopo il COVID-19 o la devastazione mostrerà i limiti del suo populismo?

Se le nazioni sono, come dice lo storico francese Ernest Renan, cittadini con un dolore condiviso, la nazione post-COVID potrebbe essere in divenire. Avrà bisogno di un narratore, e chi meglio di Tharoor. Forse si sta preparando la scena. Perché Tharoor scriva il suo prossimo libro sul nazionalismo, uno che inizia dove questo finisce.

Condividi Con I Tuoi Amici: