Spiegato: cosa dice una nuova ricerca sul cambiamento climatico che causa uno spostamento dell'asse terrestre - Novembre 2022

Sebbene non si preveda che questo cambiamento influisca sulla vita quotidiana, può modificare la lunghezza della giornata di alcuni millisecondi, affermano gli esperti.

Spiegato: cosa dice una nuova ricerca sui cambiamenti climatici che causano uno spostamento nella Terra?Secondo la NASA, i dati del 20° secolo mostrano che l'asse di rotazione si spostava di circa 10 centimetri all'anno. Ciò significa che da oltre un secolo il movimento polare supera i 10 metri. (Immagine rappresentativa)

L'innalzamento del livello del mare, le ondate di calore, lo scioglimento dei ghiacciai e le tempeste sono alcune delle ben note conseguenze del cambiamento climatico. Una nuova ricerca ha aggiunto un altro impatto a questo elenco: marcati spostamenti nell'asse lungo il quale ruota la Terra.



Uno studio pubblicato su Geophysical Research Letters dell'American Geophysical Union (AGU) afferma che a causa del significativo scioglimento dei ghiacciai a causa dell'aumento della temperatura globale, l'asse di rotazione del nostro pianeta si è spostato più del solito dagli anni '90.

Sebbene non si preveda che questo cambiamento influisca sulla vita quotidiana, può modificare la lunghezza della giornata di alcuni millisecondi, affermano gli esperti.






quanto guadagna anne burrell

Come si sposta l'asse terrestre

L'asse di rotazione della Terra è la linea lungo la quale ruota su se stessa mentre ruota attorno al Sole. I punti in cui l'asse interseca la superficie del pianeta sono i poli geografici nord e sud.



La posizione dei poli non è fissa, tuttavia, poiché l'asse si sposta a causa dei cambiamenti nel modo in cui la massa della Terra è distribuita attorno al pianeta. Pertanto, i poli si muovono quando l'asse si muove e il movimento è chiamato movimento polare.

spiegato| Polo nord magnetico alla deriva veloce verso la Russia

Secondo la NASA, i dati del 20° secolo mostrano che l'asse di rotazione si spostava di circa 10 centimetri all'anno. Ciò significa che da oltre un secolo il movimento polare supera i 10 metri.



Generalmente, il movimento polare è causato da cambiamenti nell'idrosfera, nell'atmosfera, negli oceani o nella Terra solida. Ma ora, il cambiamento climatico sta aumentando il grado con cui i poli vagano.

Cosa dice il nuovo studio



Dagli anni '90, il cambiamento climatico ha causato lo scioglimento negli oceani di miliardi di tonnellate di ghiaccio glaciale. Ciò ha fatto sì che i poli della Terra si spostassero in nuove direzioni.

Secondo lo studio, il polo nord si è spostato in una nuova direzione verso est dagli anni '90, a causa dei cambiamenti nell'idrosfera (ovvero il modo in cui l'acqua viene immagazzinata sulla Terra). Dal 1995 al 2020, la velocità media di deriva è stata 17 volte più veloce rispetto al 1981-1995. Inoltre, negli ultimi quattro decenni, i poli si sono spostati di circa 4 metri di distanza.



spiegato| Perché le nuove scoperte sul 'Ghiacciaio del giorno del giudizio' dell'Antartide hanno causato preoccupazione?

I calcoli si basavano sui dati satellitari della missione Gravity Recovery and Climate Experiment (GRACE) della NASA, nonché sulle stime della perdita di ghiacciai e del pompaggio delle acque sotterranee risalenti agli anni '80, secondo Science Alert.


patrimonio netto di eric butterbean

Lo studio afferma che lo scioglimento più rapido dei ghiacci a causa del riscaldamento globale è stata la causa più probabile del cambiamento di direzione della deriva polare negli anni '90.



Le altre possibili cause sono (stoccaggio dell'acqua terrestre) il cambiamento nelle regioni non glaciali dovuto al cambiamento climatico e al consumo insostenibile di acque sotterranee per l'irrigazione e altre attività antropiche.

spiegato|L'entità dell'eccessivo sfruttamento delle acque sotterranee, stato per stato

Mentre lo scioglimento del ghiaccio è il principale fattore alla base dell'aumento del movimento polare, anche l'esaurimento delle acque sotterranee si aggiunge al fenomeno. Poiché milioni di tonnellate di acqua dal sottosuolo vengono pompate ogni anno per uso potabile, industrie o agricoltura, la maggior parte di essa finisce nel mare, ridistribuendo così la massa del pianeta.