Spiegato: chi è Jo Jorgensen, il candidato terzo nella corsa alle elezioni americane 2020? - Ottobre 2022

Elezioni USA 2020: Jo Jorgensen non ha alcuna possibilità di vincere. Ma gli analisti politici ritengono che il candidato possa avere un ruolo nella determinazione del vincitore di questa corsa presidenziale.

Jo Jorgensen, Chi è Jo Jorgensen, voti di Jo Jorgensen, risultati delle elezioni negli Stati Uniti, elezioni negli Stati Uniti Jo Jorgensen, Indian ExpressIl candidato presidenziale libertario Jo Jorgensen durante il suo tour della campagna 2020. (Foto Reuters)

Mentre gli americani aspettano i risultati dell'agonizzante e serrata corsa presidenziale tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il suo contendente democratico Joe Biden, un altro candidato meno noto è sulla buona strada per ottenere l'1,2 per cento del voto nazionale, strappando diverse migliaia di voti cruciali a entrambi i candidati democratici e repubblicani nei principali stati campo di battaglia.



Con circa 1,6 milioni di voti complessivi, la candidata del Libertarian Party Jo Jorgensen - l'unica candidata presidenziale donna al ballottaggio in tutti i 50 stati degli Stati Uniti - ha ottenuto il secondo maggior numero di voti nei 49 anni di storia del suo partito.

Jorgensen non ha alcuna possibilità concreta di vincere le elezioni. Sono trascorsi due giorni dal giorno delle elezioni negli Stati Uniti e non ha vinto un solo voto elettorale. Ma gli analisti politici ritengono che il candidato possa avere un ruolo nella determinazione del vincitore di questa corsa presidenziale.





Chi è Jo Jorgensen?

La dottoressa Jo Jorgensen, professoressa senior di psicologia alla Clemson University in South Carolina, è la prima candidata presidenziale donna ad essere nominata dal Libertarian Party nella sua storia di oltre quattro decenni. La 63enne e il suo vicepresidente, l'imprenditore Jeremy 'Spike' Cohen, sono apparsi alle elezioni generali in tutti i 50 stati e a Washington DC.

Jorghenson non è un nuovo arrivato politico. Si è candidata per la prima volta nel 1992 con il Libertarian Ticket nel Distretto del Congresso della Carolina del Sud, dove ha ricevuto circa il 2,2 per cento dei voti. Nel 1996, è stata nominata vicepresidente del Libertarian Party insieme all'allora candidato Harry Browne.



Nel maggio di quest'anno è stata formalmente nominata candidata alla presidenza del partito. Poco dopo, è andata su Twitter per annunciare che stava 'riproponendo' lo slogan della campagna elettorale di Hillary Clinton delle elezioni del 2016 - 'Sono con lei' - e lo stava usando come suo. Lo slogan ha ricominciato rapidamente a fare tendenza sui social media.


patrimonio netto di jack osbourne nel 2017

Critico di lunga data del sistema bipartitico degli Stati Uniti, Jorgensen è anche contro l'incarcerazione di massa, le operazioni militari straniere e i grandi programmi federali. In un video pubblicato dalla sua campagna ad aprile, ha affermato che il suo obiettivo era trasformare gli Stati Uniti in una gigantesca Svizzera, armata e neutrale. Se eletta, ha detto che riporterà a casa le truppe da tutto il mondo e si adopererà anche per rimuovere gli aiuti esteri ad altri paesi. Ha anche promesso di eliminare l'imposta federale sul reddito. Express Explained è ora su Telegram



Qual è il Partito Libertario che lei rappresenta?

Fondato nel 1971, il Partito Libertario è cresciuto fino a diventare il terzo partito politico dopo i Repubblicani e i Democratici. Il partito ha avuto un candidato presidenziale al ballottaggio ogni anno dal 1972, ma non ha mai ricevuto più del 4% del voto popolare, secondo ballotpedia.org.

Il Partito Libertario sostiene un mercato completamente libero, un piccolo governo e le libertà civili. Secondo il suo sito web, il partito crede che tutti gli americani dovrebbero essere liberi di vivere la propria vita e perseguire i propri interessi come meglio credono, purché non facciano del male a un altro. Il sito web include anche la loro 'dichiarazione di principi' insieme alla dichiarazione, Noi, membri del Partito Libertario, sfidiamo il culto dello stato onnipotente e difendiamo i diritti dell'individuo.



Martedì, il partito ha conquistato il suo primo seggio nella Camera di Stato in quasi due decenni quando Marshall Burt è stato eletto alla Camera dei rappresentanti del Wyoming. Questa è solo la quinta volta nella storia del Partito Libertario che un candidato in corsa solo per l'etichetta LP (Partito libertario) è stato eletto in una legislatura statale, e la prima volta in 20 anni, si legge in una dichiarazione del partito.

L'ultima vittoria statale del partito è stata nel 2002, quando il rappresentante del Vermont Neil Randall è stato rieletto per il suo secondo e ultimo mandato nella legislatura statale.

Come si è comportato Jorgensen nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2020?

Oltre a battere ogni altro candidato indipendente e terzo in tutti e 50 gli stati, il totale dei voti di Jorgensen in tre stati chiave del campo di battaglia – Wisconsin, Michigan e Nevada – ha superato il margine tra Biden e Trump. Mentre il candidato democratico alla fine ha ribaltato sia il Wisconsin che il Michigan, gli analisti ritengono che i voti per Jorgensen avrebbero potuto far oscillare le elezioni in entrambi i modi.

In Georgia, Jorgensen si è assicurato l'1,2 per cento dei voti complessivi, ovvero 61.269 voti totali. Trump e Biden sono testa a testa nello stato, che per il resto è una roccaforte repubblicana, con soli 1.775 voti tra loro.

Particolarmente degna di nota è stata anche la performance di Jorgensen negli stati rurali e occidentali. In Alaska e nel Nord Dakota, si è assicurata il 2,7% dei voti, mentre nel Sud Dakota è riuscita a conquistare il 2,6%, secondo quanto riportato dall'Associated Press.

Con almeno 1,6 milioni di voti, Jorgensen ha vinto il secondo maggior numero di voti tra tutti i candidati libertari di sempre, secondo l'Associated Press. L'ex governatore del New Mexico Gary Johnson, che era il candidato presidenziale del partito nel 2016, ha battuto il suo record assicurandosi il 3,3% dei voti nazionali.

Da non perdere da Explained | Perché Trump e i suoi fan sono arrabbiati con il 'canale preferito' Fox News

Critica 'voto sprecato'

Il Partito Libertario è spesso criticato per aver 'tolto voti' ai due maggiori partiti degli Stati Uniti: Democratico e Repubblicano. Il governatore del Wisconsin Scott Walker e molti altri hanno sottolineato che i 38.000 voti di Jorgensen nello stato avrebbero potuto schiacciare lo stretto margine tra Trump e Biden.

Rispondendo alla richiesta su Twitter, il partito ha dichiarato: 'Vuoi che i libertari votino per te?' Prova a nominare qualcuno che non aggiunge trilioni al debito nazionale, metterà effettivamente fine alle nostre guerre estere e riporterà le truppe a casa, e crede che i diritti di tutte le persone debbano essere protetti. Fino ad allora, come sempre, le tue lacrime sono deliziose.